Coronavirus

La Svizzera riapre (quasi) tutto

Dopo un duro lockdown, da oggi in Canton Ticino torna un po' di normalità

Ponte Chiasso, dogana

Mentre a Como si torna in zona arancione, In Canton Ticino oggi è il giorno della ripartenza. Dopo un lungo periodo di chiusure draconiane, gli svizzeri possono finalmente iniziare a respirare un po' di normalità.  Lunedì 1 marzo è infatti la data in cui potranno almeno tornare a fare shopping e a frequentare musei, parchi e impianti sportivi all’aperto, lo sci invece, ritenuto settore fondamentale per l'economia rossocrociata, non si era mai fermato. Bar e ristoranti dovranno invece ancora attendere. 

La regola del 15

Per quanto riguarda invece gli incontri privati, le regole sono state allentate e saranno possibili fino a un massimo di quindici partecipanti. Gruppi di quindici adulti possono anche partecipare ad attività sportive e culturali all’aperto. Le competizioni e le manifestazioni per gli adulti rimangono proibite, ma sono di nuovo possibili per i giovani fino a 20 anni. La prima tappa dell'allentamento delle misure anti-covid riguarda dio fatto solo le attività che permettono di indossare le mascherine e di rispettare le distanze.

Ristoranti chiusi

Per ristoranti, bar, cinema, discoteche e attività ludiche in generale, rimane invece attivo lo stopo almeno fino al 22 marzo, data della seconda fase di ritorno alla normalità. Il Consiglio federale deciderà come procedere venerdì 12 marzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Svizzera riapre (quasi) tutto

QuiComo è in caricamento