Politica

Referendum ztl e posti gialli: inammissibili i quesiti

Giudicati inammissibili i tre quesiti referendari proposti dal consigliere comunale di Como Alessandro Rapinese per chiedere ai cittadini comaschi di esprimersi su ztl e posti gialli di piazza Roma. La commissione lì ha giudicati inammissibili con...

Giudicati inammissibili i tre quesiti referendari proposti dal consigliere comunale di Como Alessandro Rapinese per chiedere ai cittadini comaschi di esprimersi su ztl e posti gialli di piazza Roma. La commissione lì ha giudicati inammissibili con due voti contrari e uno a favore. Contrarie la segretaria comunale e la consigliera Andree Cesareo del Pd. Favorevole Rapinese. La commissione ritiene che l'argomento sia competenza della giunta e non del consiglio e che quindi l decisione non può passare attraverso una consultazione dei cittadini.

Rapinese ha anticipato che non intende fermarsi: "Sarebbe stato un referendum consultivo, cioè non avrebbe imposto nessuna decisione ma sarebbe servito a dare un'eventuale indicazione all'amministrazione comunale. Non vedo, quindi, perché non andare avanti e non chiedere lo stesso il parere dei comaschi. Organizzeremo incontri e gazebo in cui i comaschi potranno esprimere il parere che avrebbero espresso con il referendum. Con la rivoluzione della ztl allargata e i posti gialli in piazza Roma si è commesso un omicidio urbanistico, dobbiamo far capire all'amministrazione Lucini che ha preso una decisione sbagliata. Si sono trovati per caso al governo della città e stanno dimostrando tutta la loro inadeguatezza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum ztl e posti gialli: inammissibili i quesiti

QuiComo è in caricamento