menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Screenshot del video

Screenshot del video

Astuti e Orsenigo: "Vogliamo spiegazioni sull'ignobile spot elettorale dell'Udc svizzera"

"Nella mia classe solo Sara e Giorgio sono svizzeri". Ecco il video

Uno spot elettorale a dir poco imbarazzante anche per il fatto che utilizza una bambina. E' quello dell'Udc Ticino che con il titolo "Facciamolo per i nostri figli" ha pubblicato un filmato che grazie ai suoi discutibili contenuti non è passato inosservato anche oltreconfine. 

“Siamo veramente esterrefatti di fronte all’ennesima provocazione del partito svizzero dell’Udc: un video, indegno, dove viene sfruttata l’immagine di una bambina che prima magnifica la bellezza della Svizzera e del suo stile di vita e poi, cambiando nettamente registro, dimostra, con immagini risibili, che i Cantoni si stanno abbruttendo a causa dell’immigrazione. Uno spot elettorale vergognoso sotto tutti i punti di vista, perché sfrutta l’infanzia, perché manda un messaggio falso e grave e perché attacca chiunque vada onestamente a lavorare nella Confederazione, in primis i nostri frontalieri”, sono infuriati Samuele Astuti e Angelo Orsenigo, consiglieri regionali del Pd e componenti della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, dopo aver visto lo spot che il partito di maggioranza svizzero ha diffuso a sostegno dell’iniziativa per la limitazione, che vuole tornare a un’immigrazione moderata.

Vogliamo spiegazioni sull'ignobile spot elettorale dell'Udc svizzera I contenuti di quel video sono ignobili: la bambina – e già è agghiacciante di per sé utilizzare un minore per mandare questi messaggi – deve recitare la parte di colei che ha paura perché ‘dappertutto ci sono cantieri’, nel senso di palazzi in costruzione, e ‘uomini che gironzolano per strada’, come se i muratori di ogni dove, anche lombardi, fossero dei delinquenti. Per non parlare di frasi come ‘il tram è sempre pieno e non posso mai sedermi’! E quindi? Siccome ci sono donne straniere sedute, una bambina nel fiore degli anni, ma svizzera, è costretta, poverina, a stare in piedi? Siamo sconvolti dalla pochezza di questi personaggi”, incalzano i due consiglieri lombardi.

“Ci rivolgeremo al presidente della Commissione speciale affinché chieda chiarimenti ai nostri corrispettivi ticinesi, esponenti dell’Udc compresi, che quando vengono da noi a Milano o ci ricevono a Bellinzona sono affabili e collaborativi, ma poi, a ogni piè sospinto, trovano un modo becero per offendere gravemente i nostri concittadini. Inaccettabile”, concludono Astuti e Orsenigo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione da lunedì 1 marzo

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Zona arancione fino a domenica 7 marzo

  • Attualità

    La conversione ecologica dell'aperitivo sul Lago di Como

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento