Politica

Revocata a Como l'autorità del cantiere delle paratie: Gaffuri si scaglia contro Maroni

Dopo l'annuncio del governatore lombardo Roberto Maroni - che oggi nella consueta conferenza stampa al termine della giunta ha comunicato ai giornalisti che il cantiere delle paratie è stato revocato al comune di Como - arriva immediata la...

Paratie, i primi progettisti all'Anticorruzione. Terragni: "Vicenda molto complessa"

Dopo l'annuncio del governatore lombardo Roberto Maroni - che oggi nella consueta conferenza stampa al termine della giunta ha comunicato ai giornalisti che il cantiere delle paratie è stato revocato al comune di Como - arriva immediata la replica del consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri: "Maroni si accorge della crisi ad un anno dalle elezioni. Le paratie di Como sono un'opera voluta dalle amministrazioni comunali e regionali di Forza Italia e Lega. Il sindaco Lucini non ha mai voluto che si realizzasse perché ritenuta inutile e dannosa".

"In questi anni - ha aggiunto Gaffuri - il comune di Como ha cercato di gestirla al meglio - sottolinea -, ma serviva la volontà politica di sbloccare il cantiere vista la complessità della situazione a seguito degli interventi di Anac, Procura e Corte dei conti. Sin dall'inizio Maroni poteva riappropriarsi del cantiere ma non ha mai voluto prendere in mano questa partita. Solo oggi, ad un anno dalle elezioni, si è reso conto della situazione di crisi. Meglio tardi che mai", conclude".

Ora però cambia tutto. A seguire il cantiere per conto di Regione Lombardia ci sarà infatti l'assessore Viviana Beccalossi insieme all'architetto Paola Ghiringhelli, professionista che presiederà il "tavolo di crisi" già convocato per il 20 ottobre. A giorni il primo sopralluogo dei tecnici regionali a Como.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Revocata a Como l'autorità del cantiere delle paratie: Gaffuri si scaglia contro Maroni

QuiComo è in caricamento