Cannucce di pasta anziché di plastica: così il Lido di Faggeto difende la salute del lago

La prima spiaggia del Lario totalmente "plastic free"

Buoni gli ziti? Buonissimi, se si pensa che possono aiutare a combattere l'inquinamento del nostro adorato Lago di Como. L'idea di utilizzare questa trafila di pasta al posto delle cannucce di plastica è venuta a Paolo Masserano, titolare della prima spiaggia lariana totalmente "plastica free". Stiamo parlando del Lido di Faggeto Lario.

Con l'inizio della nuova stagione Masserano ha deciso di adottare una linea di assoluto rispetto dell'ambiente, innanzitutto abolendo l'utilizzo della plastica nella propria sturttura, poi anche invitando i propri clienti a rispettare poche e semplici norme.

Lido di Faggeto-2

"Ero rimasto molto coplpito da un vostro articolo che parlava di come e quanto il lago sia invaso dalle microplastiche - ha spiegato a QuiComo il signor Masserano - e ho pensato che fosse giunto il momento di fare qualche cambiamento anche nel nostro lido, perché tanto ormai la strada intrapresa a livello nazionale ed europeo è proprio quella di una forte limitazione dell'uso della plastica. Non abbiamo aspettato che ci venisse imposto da qualche legge ma abbiamo scelto di cominciare subito in modo autonomo, consapevole che anche i clienti e gli utenti del lido avrebbero apprezzato".

Bottigliette d'acqua

Abolire la plastrica, però, richiede impegno. "Dal punto di vista economico c'è un risvolto per così dire negativo solo per le bottigliette d'acqua - ha spiegato Masserano - perché in vetro costano 1,50 euro con vuoto a rendere. E' l'unica cosa che non essendo di plastica costa un po' di più, ma devo dire che ci sono anche dei vantaggi se si pensa che l'acqua si conserva meglio, per qualche ora in più rispetto alla plastica, perché il vetro è più isolante".

Solo piatti di cartone o ceramica

Inutile dire che anche per piatti, piattini, posate e bicchieri la plastica è assolutamente vietata al Lido di Faggeto. "Usiamo solo posate di metallo e normali piatti di ceramica - ha tenuto a precisare il titolare del lido - e quando abbiamo particolari eventi con una folta partecipazione di persone, come feste o catering, utilizziamo solo piatti di cartone"

Gli ziti come cannucce

Uno dei problemi da risolvere era capire come sostituire le cannucce. "Inizilmente - ha raccontato Masserano - abbiamo adottato le cannucce di metallo, ma ne sparivano in gran quantità, forse perché sono qualcosa di insoltio e qualche cliente pensava di prendersi un "souvenir" dal lido. Allora siamo passati alla pasta, per la precisione agli ziti, una sorta di spaghetti molto grossi perfetti per funzionare come cannucce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e sul lago

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento