menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sanità lombarda

Sanità lombarda

Covid in Lombardia, sta andando tutto male? È colpa tua

L'assoluzione della politica che punta il dito sui cittadini

Si dice che non è questo il momento per fare polemica. Che per cercare i colpevoli c'è sempre tempo, ora serve coesione per debellare il virus. Ma l'Italia è un po' il Paese dove prima che si regolino i conti ci vogliono i morti. Il caso Autostrade è davvero emblematico in questo senso. Ma restando al tema della pandemia e della sanità in Regione Lombardia, che come minimo mostra tutti i segni del disastro fatto in tema di medicina territoriale, non si può certo dire che la politica stia facendo una bella figura, soprattutto quando punta il dito sui cittadini per mascherare le sue colpe. E il fatto che in Regione stia traballando la poltrona dell'assessore alla Sanità Gallera, già più volte attaccato anche dai medici, dice chiaramente che il problema esiste: se non è una resa o una ammissione della sconfitta, ci siamo molto vicini.

Sulla questione si è espresso oggi in modo netto e chiaro Bruno Magatti, ex consigliere comunale di Civitas. Uno scritto in cui si evidenzia dal un lato il fallimento e dall'altro il dito puntato, eccolo integralmente.

"Zero investimenti nella sanità territoriale, provvedimenti a efficacia zero in questi mesi passati e ora il sistema sanitario lombardo si dichiara sull'orlo del disastro perchè messo alle corde del secondo tempo (chi l'avrebbe mai detto?) del Covid-19. Uno dei mezzi più ignobili per tentare di cavarsela è incolpare le vittime. Detto fatto. Persone a casa ammalate stanno ricevendo telefonate dal pianeta sanitario lombardo con interviste la cui sostanza si riassume nell'intento di convincere che ciò che sta succedendo è solo colpa del cittadino".

E ancora, scrive Magatti "Sei ammalato? Ti hanno lasciato solo? Di che ti lamenti se è SOLAMENTE colpa tua? Nessuno potrebbe in un attimo ricostruire le fondamenta fragili della sanità lombarda dopo decenni di cure e di clientele del centrodestra. Non se ne dimenticheranno i cittadini alle prossime elezioni. Ma possibile che si debba anche subire l'ingiuria del capovolgimento delle responsabilità?".

Una dura disamina difficile da smontare a questo punto della situazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
  • social

    Fare il vino a Como, un sogno che diventa realtà

  • Coronavirus

    Per Como ultima settimana in zona arancione?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento