Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Narcotrafficante arrestato a Brogeda, come i finanzieri hanno scoperto la droga nascosta: video

Tre chili di cocaina rinvenuti in un vano segreto dell'auto

 

Era stato arrestato mercoledì 31 ottobre 2018 alla dogana di Como-Brogeda: in auto la guardia di finanza aveva trovato 3 chili di cocaina. Adesso le fiamme gialle hanno diffuso i particolari, nonchè le foto e il video di come hanno trovato la droga nascosta in un doppiofondo della vettura. In manette è finito un quarantenne di nazionalità macedone residente in Macedonia, disoccupato.

I sospetti

A destare sospetti è stato l’atteggiamento dell'uomo che dichiarava di rientrare dall’Olanda per dirigersi in Albania. Il fatto che, pur essendo disoccupato, guidasse un’autovettura di grossa cilindrata, una Bmw serie 7, risultava anomalo; in considerazione di ciò e dello stato di agitazione dell'uomo, i finanzieri hanno deciso di sottoporlo ad un controllo doganale più accurato.

Il controllo

La macchina è stata passata al controllo del fiuto di Arc, nuovo arrivo tra i cani antidroga della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, che ha segnalato la possibile presenza di stupefacente.

Da qui l'intervento di un militare “cacciavitista” che rimuovendo il parafanghi anterioresinistro ha scoperto un doppiofondo appositamente creato vuoto ma con tracce di sostanza stupefacente. Il controllo proseguiva rinvenendo sul lato destro un ulteriore doppiofondo contenente 3 panetti di cocaina dal peso di circa un chilogrammo lordo ciascuno occultati nel nastro isolante marrone.
L’intervento congiunto dei militari selettori, dei cosiddetti “cacciavitisti” e di un’unità cinofila permetteva di rinvenire complessivamente 3,074 chili lordi di cocaina.

L'arresto

Il trafficante è stato arrestato e condotto presso il carcere del Bassone di Como a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La sostanza stupefacente, due telefoni cellulari, la Bmw serie 7 ed altri oggetti utili allo sviluppo delle indagini, sono stati sottoposti a sequestro. La legge prevede per il traffico internazionale di sostanze stupefacenti una pena che varia dai 6 ai 20 anni di reclusione ed una multa da 26 mila a 260 mila euro.

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento