rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
social

In Valle Bova, alla scoperta dell'Orrido di Caino

L'Orrido che forse non tutti conoscono

Siamo ad Erba, in provincia di Como, esattamente presso la Valle Bova, che prende il nome dal torrente che la attraversa.

Dichiarata riserva naturale da qualche anno, la Valle Bova è un mix di pareti rocciose, canyon, grotte, e boschi. Giunti al termine della valle si trova l'Orrido di Caino, una gola il cui nome deriva dal fatto che - alcuni secoli fa - vi si nascondevano briganti e criminali.

Se visitata in primavera o in estate, la passeggiata che porta all'Orrido di Caino è un'ottima soluzione per passare una giornata al fresco, mentre in autunno si possono raccogliere le castagne ammirando i fantastici colori del foliage.

Seppur adatto a tutta la famiglia, il sentiero è sassoso e pendente, ed è quindi consigliato ai bambini abituati a camminare.

Lungo circa tre chilometri, il tracciato si sviluppa completamente immerso nella natura. Percorrendo il sentiero, si possono ammirare diverse specie di piante e fiori, o fermarsi nelle pozze d'acqua create dalle cascate, dove i più piccoli possono soffermarsi a giocare.

Dopo circa un'ora di camminata, tra ponticelli e passerelle, si arriva all'Orrido di Caino.

Tra i punti d'interesse vi sono il Buco del Piombo e l'Eremo San Salvatore, il cui grande prato è l'ideale per fare un piacevole pic nic con familiari e amici.


L'ambiente è molto fresco: si consiglia un abbigliamento adeguato e scarpe con suola antiscivolo. Mentre per i bambini, che si divertiranno nelle pozze, è consigliabile portare un cambio.


Per raggiungere in auto la passeggiata verso l'Orrido, basterà parcheggiare in prossimità del ristorante il Glicine a Crevenna di Erba. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Valle Bova, alla scoperta dell'Orrido di Caino

QuiComo è in caricamento