rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
social Tremezzo

Lago di Como, un weekend da sogno a Villa Balbiano: come in House of Gucci

Una sola notte per due persone in una delle ville più belle del Lago di Como, ecco come prenotare

In attesa che House of Gucci arrivi al cinema il 16 dicembre, con airbnb sarà possibile trascorrere un weekend nel lusso a Villa Balbiano. Un'occasione unica per vivere una notte da sogno come nel film di Ridley Scott con Adam Driver e Lady Gaga. Per soggiornare in una delle ville più belle del Lago di Como occorre però essere molto fortunati.

Un terno al lotto per sole due persone e per la sola notte del 30 marzo 2022: riuscirà infatti a soggiornare a Villa Balbiano chi sarà più veloce a prenotare dalle 18 del 6 dicembre al costo di "soli" mille euro. Una cifra simbolica rispetto a quella che si pagherebbe normalmente per una vacanza a Villa Balbiano, che può infatti arrivare per un solo weekend anche a 15 mila euro.

house gucci-2

Villa Balbiano è stata recentemente rinnovata dal famoso designer francese Jacques Garcia e rimane una delle più grandi proprietà intorno al Lago di Como. La Villa vanta anche importanti dettagli storici come sgli pettacolari affreschi del XVII secolo dei fratelli Recchi e di Agostino Silva. La struttura offre alloggio nelle sue sei lussuose suite nel palazzo principale, che sono state arredate con una esclusiva collezione di mobili antichi e oggetti di arti decorative. Sono inoltre disponibili quattro camere da letto aggiuntive nell'ala sinistra e cinque camere nell'adiacente villino. Insomma un luogo incantato per matrimoni da sogno.

La storia

balbiano2-2

Già nel 1559 Paolo Giovio parlava del luogo dove la sua famiglia possedeva case e terreni coltivati a gelsi e ulivi: "A Balbiano, già suburbio dell'isola, possediamo reliquie de' maggiori nostri, un fondo e case ruinose di singolar magnificenza ...". Sul finire del secolo la proprietà, all'epoca di Ottavio Giovio, fu ceduta al cardinal Tolomeo Gallio che per lunghi anni fece progettare un edificio da Pellegrino Tibaldi su cui poi Marco Gallio andò ad intervenire, nel 1637, modificando la facciata e spianando il terreno verso monte, ottenendo così spazio utile per realizzare il giardino all'italiana. Nel 1778, gli eredi del Gallio, i duchi d'Alvito, cedettero l'intera proprietà a Giambattista Giovio che, nel 1787, la rivendette al cardinal Angelo Maria Durini, nunzio pontificio, cultore delle arti e delle lettere, mecenate e collezionista.

villa balbiano 2021-2

Egli fece della villa un autentico luogo di delizia ampliando la casa e il giardino, erigendo statue e fontane e aprendo nuovi viali fra siepi e pergolati. Il Durini poté godere la dimora solo per un solo decennio, fino al 1796, anno della sua morte. Dopo un periodo di abbandono, nel 1872 il palazzo fu acquistato da una famiglia di industriali tedeschi, i Gessner, che fecero della sala da ballo nell'ala ovest una filanda, andata poi distrutta nel 1930. Nel secondo dopoguerra, la villa del Balbiano fu acquistata da Hermann Hartlaub di Monaco che la fece restaurare dall'ingegnere svizzero Vuillomenet. Nel parco vennero introdotte palme, glicini e nuovi arbusti come la profumatissima Olea fragrans. La villa appartenuta poi alla famiglia Canepa, imprenditori tessili, è oggi nelle disponibilità di una propietà russa che fa capo alla Heritage Collection.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Como, un weekend da sogno a Villa Balbiano: come in House of Gucci

QuiComo è in caricamento