Incendio sul treno a Como, Gaffuri (PD) chiede un'indagine interna

Si muove anche la politica per chiedere chiarezza e una puntuale verifica di quanto accaduto sul treno della tratta Lecco-Como andato a fuoco questa mattina. Il consigliere regionale del PD, Luca Gaffuri, a nome del gruppo chiede "alla Regione...

Luca Gaffuri (PD)

Si muove anche la politica per chiedere chiarezza e una puntuale verifica di quanto accaduto sul treno della tratta Lecco-Como andato a fuoco questa mattina. Il consigliere regionale del PD, Luca Gaffuri, a nome del gruppo chiede "alla Regione e a Trenord che venga fatta subito un’indagine interna che spieghi le cause dell’incendio".

Il rogo è divampato sul 5202 partito da Molteno alle ore 7.22 e arrivato a Como San Giovanni alle 8.00. “Da tempo i pendolari lamentano una qualità scadente del materiale rotabile – commenta Gaffuri – e questa ne è la riprova. La sicurezza a bordo treno non è solo quando si minaccia di mettere i militari sui vagoni ma passa innanzitutto dagli interventi ordinari delle carrozze. La tratta Molteno-Como è già svantaggiata dal fatto che possono circolare solo due treni, uno in andata e uno al ritorno, a causa della linea ferroviaria limitata, se poi uno dei due convogli è fuori uso è praticamente inagibile. Aspettiamo di conoscere il resoconto della riunione tenutasi lo scorso 17 giugno proprio sulle problematicità di questa linea ferroviaria – conclude Gaffuri – auspichiamo che l’assessore regionale alle Infrastrutture Sorte abbia dato risposte concrete a quanto richiesto dai pendolari e dagli amministratori presenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Katia Ricciarelli: "Il mio compleanno in solitudine sul lago di Como"

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Lombardia e Como in zona rossa dal 17 al 31 gennaio: cosa si può fare e cosa no

  • In centro Como è aperto solo Alberto: "Forse gli altri non stanno così male"

Torna su
QuiComo è in caricamento