rotate-mobile
Elezioni comunali 2022 Camerlata / Piazzale Camerlata

Adria Bartolich ridisegna le piazze e i quartieri di Como: i sei progetti

Al centro la vivibilità per i cittadini, le aree verdi e la mobilità: Camerlata, Rebbio, Ponte Chiasso, Santa Teresa, Sangino e Prestino

Adria Bartolich ridisegna i quartieri e le piazze di Como, mettendo al centro la vivibilità per i cittadini, le aree verdi e la mobilità.

"Da sempre - spiegano congiuntamente le liste Il bene comune e Civitas-progetto città che sostengono Adria Bartolich - nella tradizione dei borghi italiani, le nostre comunità, anche le più piccole, si sono riconosciute e incontrate nelle loro piazze.

La piazza è luogo simbolico, forte e riconosciuto, che è parte del nostro modo di vivere e della nostra storia civile: e il luogo dell’incontro, quotidiano o speciale, delle generazioni e delle storie personali e collettive.

La piazza è il luogo del rito collettivo, del tempo perduto a non fare nulla di necessario, è la scena fissa e profonda – anche nella sua possibile semplicità di forma o di dimensione – nella quale si svolge la vita individuale e la vicenda di una comunità: di quella “civitas” che comprende in sé il senso del luogo identitario e della cittadinanza.

L’abbandono nel quale sono stati lasciati quasi tutti i borghi dei quartieri esterni alla città di Como è uno dei temi che Civitas- Progetto città e della coalizione che sostiene Adria Bartolich Sindaca intende affrontare con interventi puntuali e strategici, coordinando fasi di intervento ben programmate, che permetteranno di restituire ai cittadini quei luoghi urbani quasi sempre invasi dal traffico veicolare e dai parcheggi, per ritrovare il senso di una identità collettiva.

Nel nostro programma di rinascita urbana dei quartieri collinari della città, i progetti per le piccole piazze di comunità hanno lo scopo di ritrovare luoghi di identità collettiva, di incontro e di uso diretto nella vita dei residenti, recuperando il senso perenne, oggi spesso negato, del valore sociale dello spazio pubblico, dominato per 50 anni dell’asfalto per automobili e parcheggi.

Presentiamo oggi 6 progetti (clicca sul progetto per scoprirne i dettagli):

La piazza di Sangino

Sangino-3

La piazza di Prestino

Prestino-2

La piazza di Rebbio 

Rebbio-4-2

La piazza di Ponte Chiasso 

Ponte chiasso-3

Il giardino di Camerlata

camerlata-4-3

La piazza di Santa Teresa

Santa teresa-2

Obiettivi della nostra Coalizione:

  • restituire lo spazio pubblico sprecato all’uso quotidiano dei cittadini di ogni età
  • creare zone pedonali multifunzione per mercato, eventi pubblici e attività culturali di piazza
  • introdurre nuove piccole attività collettive multigenerazionali
  • razionalizzare i percorsi di mobilità su gomma e i parcheggi di servizio
  • aumentare la superficie di aree verdi e di spazi ombreggiati naturalmente
  • affidarne la gestione a associazioni locali per l’utilizzo e il controllo degli spazi comuni
  • ristrutturare gli edifici pubblici o i Centri Civici già esistenti o dove assenti, costruirne di nuovi, più belli e più utili a tutti
  • eliminare le barriere architettoniche

Metodo e fasi di intervento:

  • affrontare velocemente, all’interno degli uffici tecnici comunali, la fase progettuale con progetti coordinati e partecipati
  • -valutare la possibilità di partecipazione del capitale privato (ad esempio nel caso di realizzazione di parcheggi sotterranei per i residenti)

avviare la realizzazione per fasi successive a scadenza programmata

  • introdurre la compresenza di nuove micro-attività di quartiere: piazza per mercato e per eventi, campetti sportivi di basket, piccole piste di aree per campo bocce, aree per gioco bimbi, tavoli fissi per circolo anziani
  • riorganizzare il sistema di sosta di autobus e automobili nelle aree limitrofe disponibili
  • utilizzare nella riprogettazione delle aree pedonali, elementi tipologici e architettonici semplici, riconoscibili e ricorrenti, come portici, percorsi verdi coperti, punti di servizio per acqua pubblica, chioschi e sedute di gruppo e individuali.
  • mettere a dimora nuovi filari di alberature e di aree a verde per creare ombra e aree di sosta

Il nostro sguardo intende anche promuovere in profondità quella socialità che ha come fondamenta l’incontro e l’inclusione come alternativa alla città del sospetto. Vogliamo concorre a costruire la città della solidarietà e della relazione del tutto alternativa alla città della paura, una città nella quale lo spazio pubblico è “nostro” per vince la penombra di luoghi freddi e da evitare perché anonimi è quindi “di nessuno”. È lo pubblico accogliente e vissuto che genera quelle condizioni di tranquillità e sicurezza da tutti invocate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adria Bartolich ridisegna le piazze e i quartieri di Como: i sei progetti

QuiComo è in caricamento