Politica Via Vittorio Emanuele II

Bagni pubblici, riaprono con un progetto sociale quelli di giardini di via Vittorio Emanuele

I servizi saranno presidiati da tre addetti nell'ambito di una sperimentazione a sostegno della marginalità

Lunedì 4 giugno riapriranno i bagni dei giardini pubblici di via Vittorio Emanuele. Visti gli atti vandalici subiti negli anni, fino a renderli inutilizzabili, i servizi saranno presidiati ogni giorno durante tutto il loro orario di apertura, ovvero dalle 8.30 fino alle 20.30. Tutto questo grazie a un progetto della durata di tre mesi, illustrato questa mattina a Plazzo Cernezzi. "Innanzitutto - ha spiegato l'assessore Alessandra Locatelli, devo ringraziare le assistenti sociali Graziella Zoccola e Alessandra Terzo. Questa sperimentazione è una cosa positiva per città, che si configura comunque in una più ampia risposta di rimessa in funzione dei bagni pubblici di Como. Dopo averli rimessi in funzione con gli uffici tecnici, abbiamo cercato di capire come controllarli e con quali risorse. Grazie alla collaborazione avviata con la cooperativa Consorzio Mestieri e Nuova CLS, abbiamo deciso di accogliere una proposta che contribuisse a dare sostegno a un percorso di uscita dalla marginalità. Persone attive che attraverso questa possibilità potranno avere l'occasione di migliorare la condizione in cui si trovano e iniziare a rientrare nel mercato del lavoro". Nello specifico, gli addetti al controllo e monitoraggio all'esterno dei bagni saranno tre, riconoscibili da un apposito tesserino. A settembre, al termine della sperimentazione, verranno fatte le opportune valutazioni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bagni pubblici, riaprono con un progetto sociale quelli di giardini di via Vittorio Emanuele

QuiComo è in caricamento