Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

L'esenzione del bollo: a chi spetta e a quali condizioni

Bollo auto

Arriva sempre il momento di pagare il bollo auto (anche se occorre guardare le proroghe per emergenza coronavirus)  l'ultima Legge Finanziaria consente però il pagamento a tariffa ridotta o l'esenzione completa per alcune categorie di veicoli e secondo precise condizioni.

Il bollo auto è un'imposta gestita dalla Regione che deve essere pagata da coloro che risultano essere proprietari, locatari utilizzatori (in caso di leasing) del veicolo al Pra. In pratica sono soggetti passivi dell'imposta coloro che risultano essere proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria, come risultante dal pubblico registro automobilistico.

Non si è tenuti al pagamento della tassa se ricorrono contemporaneamente le seguenti condizioni:

  • si perde il possesso del veicolo (per qualsiasi evento, ivi comprese le sentenze) entro il termine utile per il pagamento;
  • se ne sia annotata la relativa formalità al PRA.

In caso di radiazione intervenuta durante un anno d’imposta già coperto da pagamento, la tassa resta dovuta per l’intero anno. In quest’ipotesi non è ammesso alcun frazionamento nel pagamento del bollo.

Non si è tenuti al pagamento della tassa automobilistica regionale nel caso in cui ricorrono entrambe le seguenti condizioni:

  • la radiazione avvenga entro l’ultimo giorno utile per il pagamento;
  • al P.R.A. vi sia l’annotazione della cancellazione.

Quanto si deve pagare

L'importo della tassa si calcola in base ad alcuni parametri che variano a seconda della categoria del veicolo (autoveicolo, motoveicolo, ecc.), dei suoi dati tecnici (KW, classificazione euro, portata, peso complessivo), della sua destinazione (trasporto persone, trasporto merci) e dell’uso (proprio, privato, conto terzi). L'importo della tassa automobilistica può essere visualizzato utilizzando il servizio online dell'Agenzia delle Entrate.

Come pagare il bollo

Il pagamento della bollo auto può essere effettuato tramite varie modalità:

  • My Pay
  • Addebito diretto
  • le Delegazioni ACI con un costo dell’operazione pari a €2,37
  • le Agenzie Sermetra
  • le altre Agenzie di pratiche auto presenti sul territorio
  • gli Uffici Postali, mediante pagamento online allo sportello (per conoscere ulteriori modalità di pagamento presso Poste Italiane, cerchi su internet “poste italiane bollo auto” e continui la navigazione secondo le informazioni che compaiono a video)
  • Internet Banking e Sportelli Bancomat (ATM) delle Banche che erogano il servizio
  • ACI Bollonet, servizio online disponibile sul sito ACI
  • Le Tabaccherie autorizzate
  • Il sito Telepass

Esiste la possibilità di usufruire del dimezzamento della tassa automobilistica per i veicoli che hanno raggiunto o superato i 20 anni di età purchè abbiano il certificato che attesti che la propria auto sia appunto un'auto d'epoca. Vediamo insieme di che cosa si tratta 

Possono usufruire dello sconto del 50% sul bollo non i possessori di auto che hanno compiuto 20 anni dall'immatricolazione ma solo i possessori di veicoli ultraventennali per i quali sia stato rilasciato un certificato di rilevanza storica e collezionistica.

Bollo auto e certificato di rilevanza storica: dove si ottiene

A rilasciare queste particolari tipologie di certificato sono cinque registri: ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI. Una volta che il proprietario dell'autoveicolo con 20 o più anni di vita è riuscito ad ottenere la certificazione che attesti la storicità del mezzo, questi è tenuto a far annotare l'avvenuta iscrizione al registro storico sulla carta di circolazione (operazione a pagamento). Soltanto dopo potrà usufruire del bollo auto ridotto del 50%.

Bollo auto dimezzato per vetture storiche a uso professionale

I possessori di automobili storiche adibite ad uso professionale pagano il bollo auto al 50%. Questa riduzione infatti riguarda i veicoli di interesse storico e collezionistico con età compresa tra i 20 e i 29 anni. E' però importante verificare nella propria regione quali siano le specifiche esenzioni dal pagamento del bollo per questa categoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altre motivazioni di esenzioni e riduzioni delle tariffe

Esistono delle particolari esenzioni previste in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici
  • veicoli destinati ai disabili
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a GPL o gas Metano
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento