Fase 2, i comaschi a dieta: 1 su 3 ingrassato dopo il lockdown

Durante lo stop forzato si consumavano cibi con molti zuccheri e carboidrati ora, complice anche il caldo, si è tornati alla ricerca di verdure e frutta

Sarà il riposo forzato, dovuto dal lockdown, saranno le preoccupazioni legate al periodo, o le palestre chiuse e l'impossibilità di fare sport come di consueto, fatto sta che, come ci riporta Coldiretti, i comaschi ma anche i lariani dell'altra sponda del lago, in questo periodo hanno messo, in media, un paio di chiletti in più. 1 su 3, quindi n vista dell'estate sta cercando di porre rimedio. Come? Ce lo dicono i consumi. 

Frutta e verdura in testa alla hit dei prodotti più richiesti negli AgriMercati del territorio dopo la conclusione del lockdown.

I dati emergono dal sondaggio online lanciato da Coldiretti, in occasione delle prime aperture delle spiagge, con i primi temerari bagnanti al lago, ma anche con diversi gitanti che si sono concessi la prima tintarella all’aperto, in particolare sulle montagne che circondano i due rami del Lario. Con l’avvio della Fase 2 è infatti possibile trascorrere finalmente il proprio tempo libero in costume per godersi il primo caldo che anticipa l’estate nonostante il fisico un po’ appesantito per il poco tempo disponibile per tornare in forma dopo l’immobilità forzata della quarantena durante la quale si è verificato un aumento dei consumi a tavola ed una riduzione del movimento fisico.

Dal comfort food ricco di zuccheri alle verdure

Nella fase di lockdown c’è stato un vero e proprio boom del cosiddetto “comfort food” ricco di calorie con un consumo fortissimo di zuccheri, grassi e carboidrati: +150% farine e semole, +14% pane, crackers e grissini, +7% pasta e gnocchi, +38% impasti base e pizze, +13% dolci, +24% primi piatti pronti oltre al +37% di olio semi usato per fritture di ogni tipo, dolci e salate durante il lockdown. L’effetto del maggior consumo di cibi calorici abbinato a bevande alcoliche è aggravato dal fatto che – sottolinea la Coldiretti lariana – l’abbuffata è stata accompagnata dalla sospensione di qualsiasi attività sportiva e da una maggiore sedentarietà per la chiusura forzata in casa che ha ridotto il movimento fisico e favorito l’accumulo di peso.

Con l’avvicinarsi dell’estate e l’esplodere delle prime ondate di caldo – precisa Coldiretti Como Lecco - la perdita di peso diventa quindi un obiettivo prioritario da raggiungere quindi con l’aiuto che arriva dalla grande disponibilità di frutta e verdura, da consumare con insalatone.

Sono infatti ripresi a pieno regime tutti gli appuntamenti settimanali con i Mercati gestiti dagli agricoltori delle province di Como e Lecco. Prossimi appuntamenti domani a Cantù (come ogni martedì in piazza Garibaldi), Meda (mercoledì in piazza Cavour), Giussano (giovedì via De Gasperi), Erba (venerdì in via Carroccio), Limbiate (venerdì in piazza Cinque Giornate) e Mariano Comense (sabato al parcheggio di Porta Spinola).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento