Coronavirus

Zona gialla, arancione, rossa: ipotesi per Como e Lombardia col nuovo monitoraggio e Governo

Per Como e la Lombardia dovrebbe rimanere valida la zona gialla. Sarebbero in arrivo le micro zone rosse per alcune province d'Italia che non riguardano, al momento, la nostra Regione

Como zona gialla

Una data importante, quella di oggi, 5 febbraio, perchè oggi sarà reso noto il report dell'Iss e le decisioni del ministero della Salute che potrebbe lasciar decadere i provvedimenti di due settimane fa per le aree e i colori nelle regioni. 

Il report #38 dell'Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute sull'emergenza coronavirus nelle regioni italiane sarà comunque alla base per le decisioni della Cabina di Regia Benessere Italia sulla zona rossa, arancione e gialla e dell'ordinanza, oppure sulla "liberazione" senza rinnovi delle restrizioni maggiori, del ministero della Salute. Intanto tra dieci giorni sarà il 15 febbraio, data di scadenza del divieto di spostamento tra regioni ed è estremamente probabile che non sarà il "vecchio" governo a decidere ma il nuovo su una eventuale proroga.

Zona gialla, arancione e rossa: le regioni che cambiano colore, gli spostamenti dal 15 febbraio e l'ordinanza (?) di oggi

Difficile fare ipotesi senza mettere un doveroso condizionale, dati gli ultimi colpi di scena, dovuti agli errori di trasmissioni dati della Lombardia. In questo caso, e in questo precisio momento storico, non dovrebbero esserci, per ciò che riguarda la Lombardia e quindi Como e provincia stravolgimenti e dovremmo rimanere in zona gialla. La settimana scorsa l'indice Rt nazionale è stato esattamente lo stesso di quello lombardo: 0,84. Solo una regione, il Molise ha superato la soglia critica dell'1. Quindi per noi non dovrebbero esserci sorprese. 

In base al monitoraggio settimanale di oggi, il Corriere della Sera scrive che sarebbero le regioni in zona arancione come Puglia e Sardegna a poter approdare in zona gialla. In Italia comunque arriveranno presto le micro zone rosse a causa dei focolai creati dalle varianti del virus. Due province potrebbero finire in lockdown: Perugia e Chieti. 

Intanto tra dieci giorni sarà il 15 febbraio, data di scadenza del divieto di spostamento tra regioni ed è estremamente probabile che non sarà il "vecchio" governo a decidere ma il nuovo su una eventuale proroga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona gialla, arancione, rossa: ipotesi per Como e Lombardia col nuovo monitoraggio e Governo

QuiComo è in caricamento