menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caglio, RSA Anni Azzurri Villa Dossel riapre alle visite: la gioia dei suoi ospiti e dei parenti

In questa struttura nessun paziente si è ammalato di Covid

Dopo aver recepito le indicazioni ministeriali e le recenti direttive regionali, l’RSA Villa Dossel di Caglio (CO) nei giorni scorsi ha riiaperto alle visite dei familiari degli ospiti della Struttura.
“Siamo tornati a fare quello che più amiamo: accogliere – dice la Direzione della RSA lariana - certo, il percorso di apertura sarà necessariamente progressivo e molto ponderato, per continuare a garantire la massima sicurezza e controllo in questa delicata
“fase tre”, nel contrasto e contenimento del Sars Cov 2. Tuttavia siamo molto contenti di poter riavere con noi i cari dei nostri ospiti".
“La chiusura della nostra Rsa di fine di febbraio è stata una decisione dolorosa –continua la Direzione - ma necessaria per limitare i contagi”.
Ma nella RSA di Caglio, nel cuore dei due rami del lago di Como, hanno fatto molto di più, perché il virus sono riusciti a tenerlo proprio fuori dalla porta con tutti i 53 ospiti presenti e il personale “che – dice la Direzione con grande prudenza e con la consapevolezza che mai, soprattutto ora, si può abbassare la guardia – non sono stati contagiati”.
"Tutte le nostre strutture lombarde - aggiunge la sede di Anni Azzurri - sono pronte ad accogliere di nuovo pazienti e parenti, in condizioni di massima sicurezza, nella più rigorosa ottemperanza di tutte le procedure e le indicazioni ministeriali e regionali con
percorsi protetti e condivisi con i Distretti Sanitari e i Dipartimenti di Prevenzione con cui si opera in stretto raccordo”.

Accesso dei familiari
L'ampio giardino della RSA Villa Dossel, nella verdissima Valle di Canzo, consente l’incontro a distanza di sicurezza, tra il familiare e l'ospite. I DPI, qualora il parente ne fosse sprovvisto, verranno forniti dalla struttura, l’ incontro avverrà per appuntamento, contingentato nel tempo e nello spazio e sotto la sorveglianza e il supporto di una educatrice. Per situazioni particolari videochiamate già attive e percorsi personalizzati, per situazioni straordinarie, di massima sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento