Coronavirus

Piccoli comuni in zona arancione scuro: come funziona la deroga per gli spostamenti

Sono sempre esclusi gli spostamenti verso i capoluoghi di provincia

Controlli (repertorio)

Oggi 6 marzo 2021 è entrato in vigore il nuovo Dpcm firmato da Mario Draghi e ieri (per Como e provincia già dal 3 marzo) tutta la Lombardia è in arancione rinforzato. Ecco come funzionano gli spostamenti dai piccoli comuni (quelli con numero di abitanti inferiori a 5000) in Lombardia in questa fascia di colore e in base al nuovo Dpcm considerando che le visite a prenti e amici non sono consentite in arancione scuro (salvo comprovate necessità). Riportiamo fedelmente il testo dell'ordinanza di Fontana che delinea le norme nella zona arancione rinforzato sugli spostamenti:

«In base all’Ordinanza regionale n. 714 del 4 marzo non è possibile recarsi in altre abitazioni private abitate ubicate in Lombardia.
Questi spostamenti sono consentiti solo per comprovate e gravi situazioni di necessità.

Non è consentito inoltre recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale (le cosiddette “seconde case”) ubicate nel territorio della Regione. Allo stesso modo, a coloro che non risiedono in Lombardia non è consentito recarsi presso le c.d. seconde case situate nel territorio regionale.

Sono vietati tutti gli spostamenti in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

All’interno del proprio comune è consentito spostarsi tra le ore 5 e le ore 22. Dalle ore 22 e fino alle ore 5 del giorno successivo sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti può spostarsi dalle 5.00 alle 22.00 entro i 30 km dai confini comunali. Sono esclusi però gli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Con il decreto legge n. 15 del 23 febbraio 2021 è confermato, su tutto il territorio nazionale, il divieto di effettuare spostamenti tra regioni o province autonome fino al 27 marzo, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Per giustificare gli spostamenti verso altre regioni o comuni diversi da quello di residenza, domicilio o abitazione, così come per giustificare gli spostamenti notturni, sarà necessario esibire una autodichiarazione.

Per ulteriori dettagli segui gli aggiornamenti delle FAQ sul sito del Governo.»

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piccoli comuni in zona arancione scuro: come funziona la deroga per gli spostamenti

QuiComo è in caricamento