Movida a Como e provincia: dal 15 giugno si torna a ballare. Ma solo all'aperto

Ecco tutte le novità della fase 3 per il mondo dello svago

Il 15 di giugno inizia in Italia (Lombardia compresa, salvo un repentino peggioramento della situazione sanitaria) la fase 3 e, se pur con tutte le regole legate al rischio di nuovi focolai, la vita dovrebbe tonare quasi alla normalità, con tutte le attività che, volendo, possono riaprire. Il settore forse più interessato da questa fase è quello della movida, quello cioè in cui fino ad ora sono state mantenute le maggiori restrizioni.

Club e discoteche

“Venite da casa già ballati”, questo è uno dei post più popolari sui social da quando si è cominciato a parlare di riapertura dei locali con l'inizio della fase 3. Aprono club e discoteche, ma si balla soltanto se c'è uno spazio idoneo all'aperto. Anche qui bisognerà mantenere un metro di distanza in generale, ma i metri diventano 2 sulla pista. Il personale avrà la mascherina e non si potrà servire da bere al bancone.

Cinema e Teatri

Con la fase 3, riaprono anche tutte le sale, per tutte le loro funzioni, quindi anche come centri conferenze.
Sia il pubblico che il personale dovranno indossare la mascherina per tutta la durata dello spettacolo, andranno contingentati gli accessi e aumentato il potenziale della modalità self-service della biglietteria, ma in ogni caso l'indicazione ministeriale è quella di continuare a promuovere il più possibile la fruizione da remoto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Paura movida

Nonostante le rassicurazioni del Governo, i sindaci temono per gli assembramenti causati dalla movida del weekend. In particolare a preoccupare non è soltanto la grande quantità di persone presenti nello stesso luogo, ma anche l’età: la paura è infatti che i giovani seguano in modo meno puntuale le linee ministeriali di contenimento del contagio. Secondo il Ministero, ma anche secondo il presidente dell’Anci Antonio Decaro, l'unica possibilità per evitare questo è una corretta campagna di informazione e sensibilizzazione, dedicata appunto alla fascia giovane della popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 10 migliori rifugi sul Lago di Como

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • L'Orrido di Nesso, la cascata che fa paura e rumore quando piove

  • Canzo, ecco dove vive ancora lo Spirito del bosco: la camminata che vi porterà in un mondo incantato

  • Mentre Boris Johnson accusa l'Italia, la compagna Carrie Symonds si diverte sul Lago di Como

  • Cavallasca, uomo fuori controllo si aggira per le strade: la segnalazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento