rotate-mobile
Coronavirus

Somministrati quasi 1 milione di vaccini in un anno a Como

Rallentano le prenotazioni, riorganizzati gli hub

Numeri sui vaccini anti covid a Como in poco più di un anno. Dal 27 dicembre 2020, data di avvio della campagna vaccinale contro il Covid, al 31 gennaio 2022, Asst Lariana ha effettuato la somministrazione di 873.918mila vaccinazioni. Di queste, 17.690mila sono vaccinazioni pediatriche, che hanno interessato la fascia di età compresa tra i 5 e gli 11 anni e la cui campagna è partita lo scorso 16 dicembre.

Per quanto riguarda i bambini, delle 17.690mila somministrazione effettuate 12.116mila sono prime dosi, 5574 le seconde dosi (in caso di intervenuta malattia dopo la prima somministrazione, la seconda dose non deve essere effettuata, ndr). Per quanto riguarda la fascia di età a partire dai 12anni, sono state somministrate 856.228mila vaccinazioni, di cui 327.848 prime dosi, 293.521mila seconde dosi e 234.859mila terze dosi (in caso di intervenuta malattia le dosi somministrate sono inferiori alle tre previste, ndr).

Complessivamente, ad oggi (dato rapportato alla popolazione residente, certificata da Istat all'1-1-2021 ed aggiornato al 10 febbraio, fonte Regione Lombardia) in provincia di Como la percentuale di somministrazione della dose booster ha raggiunto il 62,98%, percentuale che colloca Como al secondo posto in Lombardia.

Nuove prenotazioni in calo

A distanza di oltre un anno dall’avvio della campagna (e a quattro mesi dall’avvio della somministrazione della terza dose), dalla scorsa settimana le nuove prenotazioni hanno cominciato a rallentare e di conseguenza gli appuntamenti messi a disposizione dei cittadini sono stati rimodulati. Alla luce di tale andamento e sulla base delle indicazioni regionali, si è quindi iniziato ad attuare una prima riorganizzazione della campagna vaccinale. “L’obiettivo - spiega il direttore generale di Asst Lariana, Fabio Banfi - è dedicare nuovamente alle consuete attività sanitarie una parte significativa del personale, infermieristico e medico, che è oggi impegnato negli Hub. Gli ospedali devono poter tornare ai livelli pre Covid”.

Riorganizzazione hub

Como: il Centro Vaccinale in via Napoleona, la sede dedicata agli adulti, resta attivo per le dosi già prenotate e con nuovi appuntamenti prenotabili messi a disposizione sulla base della richiesta. In poche parole, il Centro Vaccinale di Como resta aperto e non chiude e chi vuole può prenotarsi per un appuntamento in questo Centro.

Erba: a Lariofiere, viene identificato come l’Hub principale; qui, in particolare, i cittadini che ancora dovessero ricevere la prima dose potranno autopresentarsi tutti i giorni dal lunedì alla domenica dalle 8 alle 20. Questo è possibile perché nella nuova tensostruttura, adeguata e confortevole, gli spazi sono più funzionali rispetto a quelli di Como.

Cantù: il Centro Vaccinale dedicato ai bambini all’ospedale di proseguirà a vaccinare tutti i bambini dai 5 agli 11 anni che devono ancora ricevere la seconda dose e che hanno già la loro prenotazione fissata; per le prime dosi, dal 7 febbraio, si possono prenotare appuntamenti nell’Hub di Lariofiere (i cui spazi vista la generale riduzione della domanda sono stati rimodulati con percorsi e ambulatori dedicati per la fascia 5-11 anni) o a Como, nell’area di via Napoleona, all’interno dell’edificio 53, dedicato ai bambini. La decisione di chiudere il Centro a Cantù ha consentito di recuperare personale e liberato gli spazi dedicati alla vaccinazione dei bambini per gli altri consueti servizi; nulla cambia per il Centro Vaccinale per i bambini allestito a Como.

Menaggio: i cui appuntamenti sono prenotabili attraverso la piattaforma regionale - prosegue la sua attività, per gli adulti e i bambini, nei giorni di martedì, mercoledì e sabato. Sulla base dell’andamento delle prenotazioni, si valuterà un’eventuale riduzione. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Somministrati quasi 1 milione di vaccini in un anno a Como

QuiComo è in caricamento