Permessi di soggiorno, validità prorogata. È l'effetto del decreto anti-coronavirus

Slitta anche la scadenza delle pratiche in attesa di risposta

Il decreto anti contagio del 17 marzo, oltre a prolungare la validità delle carte d’identità, ha effetto anche sui procedimenti legati ai permessi di soggiorno.

Permessi in fase di richiesta

Tutte quelle domande che il 23 febbraio erano ancora in attesa di risposta da parte della questura restano valide e attive e la loro scadenza viene prorogata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Permessi scaduti o in scadenza

Tutti coloro che hanno già il permesso di soggiorno ma che avrebbero dovuto rinnovarlo tra il 23 febbraio e il 15 aprile, devono considerarlo valido fino al 15 di giugno. In questo modo la questura dà la possibilità a tutti i titolari di fare domanda di rinnovo alle soglie dell'estate, evitando qualunque tipo di assembramento negli uffici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

  • Idee anticrisi, ecco i dining bonds: li paghi meno di quello che valgono, li spendi alla riapertura del ristorante

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • 81 morti per coronavirus all'ospedale Sant'Anna dall'inizio dell'emergenza

Torna su
QuiComo è in caricamento