Domenica, 16 Maggio 2021
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione, le regole per andare da amici e parenti

Con il passaggio in zona arancione torna la possibilità di andare a casa di amici e parenti, ma con delle regole

Controlli (foto Today/Ansa)

La Lombardia e Como in zona arancione, con il passaggio ufficializzato lunedì 12 aprile dopo quasi un mese di zona rossa, tornano a "respirare" un po'. Oltre alla riapertura dei negozi e delle scuole - in parte in presenza anche per le superiori - rientra in vigore la possibilità di fare visita ad amici e parenti. 

Da lunedì 12 aprile è quindi è possibile spostarsi dalla propria abitazione per visitare i familiari o comunque un'abitazione diversa dalla propria. Ma ci sono, come sempre, delle regole da rispettare. 

Si legge sul sito del governo: "Per quanto riguarda le visite ad amici o parenti, in quest’area è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata dello stesso Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell'abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro".

Gli spostamenti, quindi, sono consentiti soltanto all'interno del comune e soltanto una volta al giorno a un massimo di due persone. In caso di controllo delle forze dell'ordine bisognerà compilare l'autocertificazione, indicando i punti di inizio e fine dello spostamento. 

Rientra anche la deroga per i comuni sotto i 5mila abitanti. "A chi vive in un comune che ha fino a 5.000 abitanti è comunque consentito spostarsi, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune, quindi eventualmente anche in un’altra Regione o Provincia autonoma, anche per le visite ad amici o parenti nelle modalità già descritte, con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia", spiega ancora il governo.

In zona arancione, inoltre, è possibile muoversi nel proprio comune liberamente, mentre gli spostamenti verso altre città o al di fuori della regione sono possibili soltanto per motivi di lavoro, salute, necessità o per raggiungere la seconda casa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como e la Lombardia in zona arancione, le regole per andare da amici e parenti

QuiComo è in caricamento