Coronavirus

Como, la richiesta di Cgil, Cisl e Uil: "Vogliamo il tampone per tutto il personale sanitario"

La lettera al prefetto e al commissario straordinario per il covid-19

Medici e infermieri stanno pagando un prezzo altissimo al coronavirus

Cgil, Cisl e Uil di Como hanno scritto oggi, 20 marzo, al prefetto, all’ATS Insubria e al commissario straordinario per l’emergenza covid-19 perché si attivino per consentire a tutto il personale sanitario, delle strutture pubbliche e private e delle cooperative sociali, di accedere al tampone per la verifica dell'eventuale positività al coronavirus.
La misura sembra indispensabile leggendo i dati relativi al contagio fra gli operatori sanitari, con una percentuale sul totale degli ammalati arrivata al 9%.

Inoltre, continua la richiesta, questo screening sarebbe importante per rispettare la salute e la sicurezza minima sul luogo di lavoro e anche per tutelare tutti i degenti e gli utenti.
La lettera si chiude ricordando che il personale che aderisce alla sigla è pronto, in caso di mancato ascolto da parte delle autorità competenti, ad azioni dimostrative, cosa ovviamente per nulla auspicabile dato il particolare momento…

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como, la richiesta di Cgil, Cisl e Uil: "Vogliamo il tampone per tutto il personale sanitario"

QuiComo è in caricamento