Venerdì, 22 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ospedale di Cantù, inaugurato il nuovo reparto di medicina generale

All'ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù il reparto di Medicina Generale è stato rinnovato. Stamani, l’inaugurazione ufficiale, con taglio del nastro e visita ai locali che hanno subito un vero e proprio restyling. Inoltre, l’ospedale si...

All'ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù il reparto di Medicina Generale è stato rinnovato. Stamani, l’inaugurazione ufficiale, con taglio del nastro e visita ai locali che hanno subito un vero e proprio restyling. Inoltre, l’ospedale si arricchisce di nuovi macchinari, grazie a una donazione concessa dalla Cassa Rurale di Cantù. Alla conferenza di presentazione, erano presenti il direttore generale dell’azienda ospedaliera Sant’Anna, Marco Onofri, il direttore medico del presidio, Patrizia Figini,il direttore amministrativo del presidio, Alessandro Giudici, il primario di medicina generale di Cantù, Eugenio Limido e l’ingegnere capo dei lavori Salvatore Interlicchia. A rappresentare il Comune di Cantù, il consigliere comunale Michele Ramella. Erano presenti anche il deputato leghista Nicola Molteni e il presidente della provincia di Como, Leonardo Carioni. Durante la presentazione, sono stati illustrati i lavori che hanno interessato il reparto: dotato di una superficie di 1100 metri quadri e di 34 posto letto, i lavori di risistemazione hanno permesso il rifacimento dei pavimenti (450 metri quadri), imbiancatura e verniciatura dell’intero reparto, nonché la realizzazione del nuovo bagno assistito, la sistemazione dell’impianto dei gas medicinali (ad esempio l’ossigeno), il rifacimento dell’impianto televisivo, della cucinetta di reparto, del corrimano nei corridoi e nelle camere di degenza, nonché la revisione dell’illuminazione. Anche gli arredi sono stati cambiati ed è stato realizzato un nuovo bancone per la postazione principale della reception e degli infermieri. Inoltre, nei prossimi giorni verrà montato anche un nuovo serramento/parete in alluminio e vetro di circa 40 metri quadri nel soggiorno. Il costo complessivo delle opere eseguite è di circa 120 mila euro. Il dottor Marco Onofri, sottolinea: “Abbiamo fatto tutto con le nostre forze interne. C ‘è stato davvero un grande sforzo collettivo e poi, grazie alla donazione della cassa rurale, abbiamo avuto la possibilità di avere della strumentazioni nuove, quasi avveniristiche, di altissimo profilo”. Adesso, dunque, il reparto è un po’ più sicuro, un po’ più accogliente e sicuramente più attrezzato. Il reparto di medicina generale di Cantù, riceve circa 1500 ricoveri l’anno. Anche per quanto riguarda l’attività ambulatoriale fornita ai pazienti, i numeri parlano di circa 7 mila visite all’anno. Nel corso del 2012 è stato acquistato anche un nuovo spirometro, che consente misure molto accurate degli indici respiratori. Inoltre, l’ex primario di medicina generale, Lodovico Boncinelli, ha donato un proprio quadro al reparto.

Nuove attrezzature

Le nuove attrezzature donate all’ospedale dalla Cassa Rurale di Cantù, sono state illustrate durante la visita di oggi al reparto. Il valore delle nuove apparecchiature è di circa 130 mila euro. Per la cardiologia è stato acquistato un ecografo e un sistema di telemetria con quattro registratori, il cui funzionamento è stato illustrato durante la visita. Grazie a questo strumento è possibile visualizzare i battiti cardiaci anche ad una certa distanza. Con queste apparecchiature è possibile registrare in continuo l’elettrocardiogramma, la frequenza cardiaca e la percentuale di ossigeno nel sangue di altri pazienti ricoverati in medicina. Per la Radiologia, è stato acquistato un ecografo di fascia alta che offre la libertà di utilizzare gli ultrasuoni in modo innovativo. Dotato di due sonde (una ad alta e una a bassa frequenza), permette lo studio di tutto il corpo. La cassa rurale, già nel 2009, aveva donato alla radiologia la risonanza magnetica e tre poco l’ospedale avrà anche un altro strumento: una bobina higt density che consente un migliore studio dell’encefalo e del collo.

Si parla di

Video popolari

Ospedale di Cantù, inaugurato il nuovo reparto di medicina generale

QuiComo è in caricamento