Venerdì, 24 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Palazzetto di Cantù in ritardo: slittano i termini della consegna

Consiglio comunale ieri sera a Cantù. Fra gli ordini del giorno, l’informativa dell’assessore Vincenzo Latorraca sul project financing per la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport e l’approvazione dell’atto di indirizzo per...

Consiglio comunale ieri sera a Cantù. Fra gli ordini del giorno, l’informativa dell’assessore Vincenzo Latorraca sul project financing per la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport e l’approvazione dell’atto di indirizzo per l’istituzione del parco regionale della Brughiera. Durante le dichiarazioni preliminari, si registra anche un piccolo battibecco per via di un albero di Natale installato a Vighizzolo fra i consiglieri Pellizzoni (LIC), Masocco (Lega Nord) e Lapenna (PDL).

Palazzetto in ritardo: slittano i termini della consegna

Durante la sua relazione, Latorraca ha spiegato gli ostacoli che hanno impedito il normale svolgimento dei lavori e che, con molta probabilità, non potranno essere conclusi nei tempi previsti (maggio 2013). Latorraca, dichiara in aula: “Non entro nel merito del progect, costato circa 50 milioni di euro. Tutti ci chiedono: per quale motivo il contratto non è stato modificato? Il Comune ha sottoscritto una convezione con Turra e quindi diventa un soggetto privato come tutti gli altri. La convenzione ha forza di legge. Oggi non si può più discutere di varianti progettuali. L’unica cosa che il Comune può fare è monitorare lo stato dei lavori”. A questo punto, Latorraca informa sullo stato attuale dei lavori: “Non si può dire che i lavori non siano stati avviati e non si può dire che non siano arrivati ad un certo grado di realizzazione. Mi sono recato con il dirigente del settore e abbiamo appurato che le fondazioni sono state completate ed è stato realizzato anche il cosiddetto “scatolato”. Ora si tratta di gettare il promo solaio, ovvero il piano su deve essere realizzato il campo da gioco”.

Che i lavori siano indietro rispetto al crono-programma, è lo stesso Latorraca a confermarlo. In aula, l’assessore parla degli ostacoli che si sono creati in questi mesi ma che al momento sembrano essere stati risolti o comunque sono sotto controllo: Il primo riguarda l’allacciamento ai pozzi. L’impianto di climatizzazione non poteva essere allacciato direttamente alla falda e quindi immettere acqua non potabile. Tale problema è stato risolto con una variante progettuale che Turra ha depositato il 12 dicembre. Altro problema è stata la realizzazione della strada che costituisce il collegamento con il palazzetto. I problemi, spiega Latorraca, sono sorti con i vicini. L’amministrazione ha indetto una serie di incontri e si è trovato un accordo. Tale impedimento sembra essere risolto e a gennaio i lavori saranno avviati.

Strano ma vero, anche un palo dell’Enel è diventato un serio problema alla realizzazione del palazzetto. Come dichiara Latorraca: “Pare ridicolo che un’opera da 50 milioni di euro venga fermata da un palo dell’Enel. Comunque, il palo sarà spostato entro una decina di giorni. Infine, un altro problema è insorto per l’allacciamento delle acque bianche. Il tratto di terreno in cui dovrebbe passare il sotto servizio appartiene a un privato che non si è dimostrato subito disponibile. Ma ad oggi, assicura Latorraca: “C’è la possibilità di un accordo, anche perché l’intervento non sarebbe invasivo”. Quindi, Latorraca conclude: “Allo stato attuale tutti gli impedimenti sono in via di risoluzione. Sarà dunque possibile lavorare ma la tempistica sembra prolungarsi. E’ possibile per Turra chiedere un’istanza di proroga e se ci sono i presupposti verrà concessa. Al momento non sussiste nessuna situazione patologica”.

Inoltre, Latorraca dichiara di aver dato a tutti i capigruppo in consiglio il carteggio che è intercorso fra Turra e amministrazione in questi mesi, chiedendo loro di preservarne la riservatezza. Dopo la relazione di Latorraca, Brianza(Lega Nord) dichiara: “Senza entrare nel dettaglio come è stato chiesto dall’assessore, leggendo il carteggio però denoto un’eccessiva conflittualità. Una diversa disposizione del Comune nei confronti di Turra potrebbe dare risultati positivi”. Inoltre, Brianza parla del famoso finanziamento di 1 milione e 400 mila euro, arrivati dallo Stato per finanziare l’opera: “Non è arrivato lo stesso finanziamento di allora, bensì uno nuovo, grazie al lavoro di alcuni parlamentari: l’onorevole Molteni, l’onorevole Giorgettie il presidente dell’associazione Cariplo Pozzetti. Almeno su questo punto si poteva fare un ringraziamento”.

Latorraca, precisa: “Questa amministrazione non ha mai manifestato intenti bellicosi nei confronti di Turra. Abbiamo sembra risposto con le note degli uffici e non dei legali. Noi abbiamo tutelato le nostre prerogative. I politici sono già stati gratificati dal fatto di essere intervenuti per la città di Cantù. Io non so a chi attribuire il merito, ma anche il sindaco si è attivato con la presidenza del consiglio dei ministri per sbloccare il fondo congelato. Il sindaco, Claudio Bizzozero, risponde a Brianza: “Si tratta del finanziamento originario e non di uno nuovo. Poi c’è qualche partito che vuole attribuirsi meriti che non ha. I meriti vanno riconosciuti, piaccia o non piaccia. Questo finanziamento è arrivato a Cantù per merito dell’onorevole Antonio Palmieri, a suo tempo. Se domani arriveranno finanziamenti per merito del partito di Brianza, non avrò difficoltà a riconoscerlo.

Approvato indirizzo per Parco della Brughiera

Il sindaco Claudio Bizzozero propone di votare l’atto di indirizzo per aderire al parco regionale della Brughiera. Spiega che: “Nel 2009 il gruppo consiliare di Lavori in Corso propose la procedura del parco, che poi fu modificata il PLIS. Adesso riproponiamo di dare avvio a quella procedura”. Inoltre, aggiunge: “Altri Comuni hanno manifestato il loro interesse. Nel corso di queste settimane ci siamo incontrati con i dirigenti del PLIS e con i Comuni interessati. Tutti i presenti hanno manifestato interesse e chiesto a Cantù di essere promotori del parco. Anche per Regione Lombardia l’istituzione del parco è una priorità”. Spinelli (PD), chiede che comunque venga lasciato uno spiraglio per il PLIS. Bizzozero: “La nostra convinzione è di andare direttamente alla meta. Di dare un segnale forte”. Brianza (Lega Nord), dichiara: “L’obiettivo del nostro gruppo è di conservare il nostro territorio boschivo. IL motivo per cui nel 2009 fu presa quella decisione fu perché abbiamo valutato i costi. Non si tratta di entrare in un parco già esistente, ma in uno ex-novo. Il parco regionale può diventare un carrozzone. La Lega chiede di aderire subito al PLIS esistente. Non vorrei che questa fosse la risposta ad alcune associazioni ambientaliste”. Sindaco: “Non è vero che i parchi regionali hanno costi maggiori dei PLIS. Sui carrozzoni, tutto dipende da come i Comuni decidono di avviare i parchi”. Sul deliberato del 2009, il sindaco risponde: “Allora sarebbe valsa la pena entrare nel PLIS esistente. All’epoca, però, fu deliberato di costruire un fantomatico parco delle cascine, fatto da soli, quindi un altro PLIS”. Pagani (PD), infine dichiara: “Diamoci un anno di tempo per vedere e monitorare la situazione”. Il documento è stato votato con un emendamento presentato da Lavori in Corso: 21 votanti, 18 favorevoli, 2 no e 1 astenuto.

Altri punti all'ordine del giorno

Sono stati approvati all’unanimità anche i seguenti punti all’ordine del giorno: L’approvazione del piano diritto allo studio per l’anno scolastico 2012-2013 e le modifiche ed integrazioni al regolamento dell’albo delle associazioni alla concessione di benefici finanziari e vantaggi economici alle associazioni. Tale documento, permette di snellire i lavori della giunta, nel momento in cui un’associazione chiede il patrocinio. Questa modifica permette ad una associazione del territorio, di ottenere più facilmente il patrocinio direttamente dall’assessore,qualora la richiesta sia attuabile. Approvato all’unanimità anche le modifiche al regolamento di polizia mortuaria e la modifica al regolamento del consiglio comunale in materia di obblighi e trasparenza dei titolari di cariche elettive e di governo. Spinelli (PD), presidente della commissione, spiega: “Ciascun consigliere deve fornire i dati reddituali che lo riguardano”. Si tratta di un adeguamento alla legge nazionale. Infine, è stato approvato all’unanimità anche il regolamento comunale sui controlli interni.

Si parla di

Video popolari

Palazzetto di Cantù in ritardo: slittano i termini della consegna

QuiComo è in caricamento