Sabato, 25 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Monsignor Coletti: “Non oscurate Sant’Abbondio”

"Una città deve custodire e valorizzare i suoi tesori artistici. Ragionamenti di tipo commerciale e di tipo funzionale, che pur hanno una loro dignità, non dovrebbero mai cancellare dall'orizzonte qualcosa che è così importante per...

"Una città deve custodire e valorizzare i suoi tesori artistici. Ragionamenti di tipo commerciale e di tipo funzionale, che pur hanno una loro dignità, non dovrebbero mai cancellare dall'orizzonte qualcosa che è così importante per l'identificazione di una città e per la qualità dello sguardo dei suoi bambini come le cose belle che i comaschi sono riusciti a fare nella nostra città. Sant'Abbondio dopo la cattedrale è il luogo più sacro di questa città". Questo il parere che il vescovo della diocesi di Como, Diego Coletti, ha espresso in relazione al dibattito sull'opportunità o meno di salvaguardare il cannocchiale visivo della basilica di Sant'Abbondio che rischia di essere oscurata dagli edifici che saranno costruiti sull'area ex Ticosa. Il vescovo ha rilasciato questo commento a margine dell'incontro che si è svolto ieri nella tensostruttura allestitanel parco di Villa Olmo dove inieme all'assessore alla Cultura del Comune di Como, Sergio Gaddi, ha parlato di "Bellezza e spiritualità nell'arte di Rubens". Nell'intervista rilasciata da monsignor Coletti a QuiComo alcuni concetti cardine del suo discorso-lezione.

Si parla di

Video popolari

Monsignor Coletti: “Non oscurate Sant’Abbondio”

QuiComo è in caricamento