Intervista al sindaco di Como Stefano Bruni 9 novembre 2010

Oggi la consueta conferenza settimanale del sindaco di Como Stefano Bruni è stata incentrata, come era logico, sulla mozione di sfiducia discussa ieri (e che andrà al voto giovedì 11 novembre 2010) e sul destino dell'amministrazione comunale...

Oggi la consueta conferenza settimanale del sindaco di Como Stefano Bruni è stata incentrata, come era logico, sulla mozione di sfiducia discussa ieri (e che andrà al voto giovedì 11 novembre 2010) e sul destino dell'amministrazione comunale. QuiComo vi propone tre video della conferenza settimanale. Qui di seguito trovate una sintesi degli argomenti trattati in ciascuno video...

Video Parte 1 di 3 - Bruni parla del comportamento dei liberal (i fuoriusciti dal Pdl che hanno aderito al gruppo Autnomia Liberale per Como) affermando che alcune delle loro richieste sono solo dei ricattini personali. Dopo il voto sulla sfiducia Bruni chiederà un patto di fine mandato alla sua maggioranza e al contempo ha detto di essere pronto ad aprire all'opposizione per trovare un accordo che permetta all'amministrazione di arrivare a fine mandato visto che "un'interruzione adesso sarebbe dannosa per la città". Il sindaco ha anche commentato l'acceso intervento del consigliere Alessandro Rapinese dicendo che "ha offeso le istituzioni".

Video Parte 2 di 3 - Il sindaco ha accostato Futuro e Libertà a quanto sta accadendo nel Pdl in Comune: "Fli ha offerto una sponda a questi consiglieri". Inoltre ha detto di condividere le richieste che vanno in ottica di un risparmio, ma ha anche detto che non intende cedere ai "ricattini" come la riduzione del numero di assessori se questa richiesta è solo una questione personale di alcuni consiglieri. Altro tema toccato sono stati proprio alcuni tagli proposti dai liberal: taglio dei costi per il direttore generale; soppressione del giornalino comunale, taglio della figura del portavoce. E ancora un passaggio su Rapinese e la reazione del sindaco che ieri è uscito dall'aula.

Video Parte 3 di 3 - "Ho fatto l'85% del mio mandato, non starò qui a incatenarmi per fare il restante 15%". Insomma, Bruni non intende scendere in basso e farsi mettere i piedi in testa dall'opposizione interna alla maggioranza, quindi cedrà sui punti che vanno davvero in un ottica di miglioramento dell'attività amministrativa, ma non concederà nient'altro. Toccata anche la questione del concorso pubblico per il dirigente ai servizi sociali, oggetto di un'interrogazione di Rapinese che ha affermato che il concorso è aperto anche ai consiglieri comunali, cosa assai rara nei concorsi pubblici (riferimento alla partecipazione a tale concorso del consigliere del Pdl Michele Alogna, tra coloro che prima remavano contro Bruni e che adesso invece lo sostengono). Sull'antenna radio di Brunate il sindaco ha garantito che i lavori sono sospesi fino a tempo indeterminato, cioè fino a quando non sarà stata fatta chiarezza sulle procedure e le autorizzazioni necessarie per costruirla.

Si parla di

Video popolari

Intervista al sindaco di Como Stefano Bruni 9 novembre 2010

QuiComo è in caricamento