Domenica, 17 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cantù, la Lega Nord dà battaglia sul bilancio

“Quest’amministrazione sta raccontando solo balle”. A dichiararlo è Nicola Molteni, consigliere comunale della Lega Nord, insieme a tutto il gruppo che rappresenta il Carroccio in consiglio. Un’agguerritissima Lega a cui evidentemente non è...

“Quest’amministrazione sta raccontando solo balle”. A dichiararlo è Nicola Molteni, consigliere comunale della Lega Nord, insieme a tutto il gruppo che rappresenta il Carroccio in consiglio. Un’agguerritissima Lega a cui evidentemente non è piaciuto il bilancio di previsione per il 2012 e che promette di fare battaglie sia in sede di consiglio comunale che nelle piazze. Ma la conferenza è servita alla Lega per fare anche il punto sui primi 50 giorni di amministrazione Bizzozero: “Il bilancio di questo primo mese e mezzo è estremamente negativo e particolarmente deludente”, sottolinea Molteni. Insieme a lui, anche i consiglieri Alessandro Brianza, Giorgio Masocco ed Edgardo Arosio. Naturalmente, le accuse principali sono rivolte al bilancio di previsione per l’anno 2012: “E’ una vergogna mettere le mani nelle tasche dei cittadini”, dichiara Molteni parlando dell’introduzione della nuova addizionale IRPEF.

L'analisi del bilancio

Alessandro Brianza, durante la conferenza, ha analizzato il bilancio presentato : “Il sindaco ha detto che avrebbe tagliato le spese. Questa è la prima bugia. Il preventivo 2011 prevedeva 30,400,000 euro di spese correnti, il preventivo 2012 ne prevede 31,000,001. Forse parla con chi non sa leggere i numeri”, argomenta Brianza. Il consigliere della Lega, parla anche del pagamento delle rate dei mutui: “Nel 2011 sono stati pagati 2 milioni e 400 mila euro di rate, per il 2012 saranno 2 milioni e 600 mila euro. L’aumento di 200 mila euro non giustifica l’introduzione IRPEF”. Secondo Brianza, per cui l’introduzione dell’addizionale IRPEF è “scandalosa”, perché “A Cantù avremo l’addizione IRPEF più alta di tutta la Provincia”, si poteva trovare una soluzione alienando parte del patrimonio pubblico: “Cantù ha tantissimi immobili non utilizzati, invece è stata fatta la cosa più semplice, alzare le tasse”. Anche il consigliere Edgardo Arosio, parla di un “novello pinocchio” e aggiunge: “Bizzozero ha detto che avrebbe tagliato le spese e le consulenze per non aumentare le tasse. Perché applica l’addizionale IRPEF se dice di aver tagliare i costi?” E sull’IMU Brianza aggiunge: “Sono state applicate le aliquote medie e non minime, cioè una IMU allo 0.4 sulle prime case, invece dello 0.2, mentre sulle attività produttive sarà allo 0.76 andando a colpire gli industriali e gli artigiani”. Brianza, infine, aggiunge: “Le spese per gli investimenti sono ridottissime, 2 milioni e 800 mila euro, rispetto ai 10 milioni del 2011”. Naturalmente, la Lega si riserva il diritto di proporre idee e fare altre considerazioni non appena avrà avuto il tempo di visionare per bene le carte: “Come canturino mi sento preso in giro”, conclude Brianza.

Le accuse di Molteni

Nicola Molteni accusa Bizzozero di aver fatto promesse in campagna elettorale che non sarà in grado di mantenere. Giudica il bilancio di previsione “un bilancio da burocrate” e parla di “clamorose balle”. Inoltre, aggiunge: “Durante la campagna elettorale si sono riempiti la bocca con parole come partecipazione e scelte condivise. Non c’è stata nessuna scelta condivisa, qui si fa esattamente il contrario”. Anche per quanto riguarda il PGT, Molteni parla di “imbarazzo” sia all’interno della maggioranza che fra gli alleati (PD e UDC). Durante la campagna elettorale, Bizzozero ha dichiarato più volte di voler revocare il PGT. Ma Molteni sostiene che si andrà verso una revisione, tradendo così la promessa elettorale: “Si andrà per forza di cose verso la revisione, anche perché bisogna che sia approvato entro il 31 dicembre del 2012. A questo punto ci aspettiamo anche una reazione della maggioranza”.

Si parla di

Video popolari

Cantù, la Lega Nord dà battaglia sul bilancio

QuiComo è in caricamento