Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inaugurato Parolario 2013: prima giornata con Loi e Severgnini

Al via la tredicesima edizione del festival letterario di Como che quest’anno verrà interamente dedicato al sogno per ricordare il cinquantesimo anniversario dell’indimenticabile discorso “I have a dream” di Martin Luther King al Lincoln Memorial...

Al via la tredicesima edizione del festival letterario di Como che quest’anno verrà interamente dedicato al sogno per ricordare il cinquantesimo anniversario dell’indimenticabile discorso “I have a dream” di Martin Luther King al Lincoln Memorial di Washington. Il sogno diventa il protagonista indiscusso di questa tredicesima edizione di Parolario che durerà fino all’8 settembre con una serie di incontri dedicati alla letteratura e alla cultura nella splendida cornice di Villa Olmo.

All’inaugurazione del festival è intervenuta Cristina Cappellini, assessore alle culture, identità e autonomie della regione Lombardia, che ha definito la manifestazione come uno dei fiori all’occhiello dell’attività culturale lombarda sul territorio. “Una storia lunga tredici anni e ricca di soddisfazioni”, queste le parole di Glauco Peverelli, presidente di Parolario, che ha ribadito la volontà di arricchire sempre di più il panorama del festival. Ad aprire le danze è stato il poeta Franco Loi con la sua ultima raccolta di poesie in dialetto milanese. Undici giorni ricchi di appuntamenti per gli amanti dei libri e della letteratura, ma non solo; alle discussioni con gli autori si affiancheranno il cinema, la musica, il teatro, la cultura del paesaggio e del verde, la cultura del cibo…Tutti gli incontri di Parolario sono a ingresso gratuito e per l’intera durata della manifestazione sarà attivo un servizio navetta gratuito che collegherà Piazza Cavour ai luoghi degli incontri. Non resta che godersi lo spettacolo.

Beppe Severgnini è stato il protagonista indiscusso della prima serata di Parolario dedicata agli incontri con l’autore. Nel suo libro “Italiani di domani” lo scrittore e giornalista offre otto suggerimenti per aprire le porte del futuro soprattutto ai giovani, “una generazione anagraficamente innocente”. Durante la serata il giornalista ha illustrato, anche con l’aiuto della musica, accompagnato da Simona Bondanza e Piero Trofa, le otto T: Talento (siate brutali), Tenacia (siate pazienti), Tempismo (siate pronti), Tolleranza (siate elastici), Totem (siate leali), Tenerezza (siate morbidi), Terra (siate aperti), Testa (siate ottimisti).

“I ragazzi sono i principali destinatari di questo libro”, ha specificato Severgnini, “il mio intento è quello di offrire soluzioni per micro rivoluzioni private in attesa delle grandi riforme pubbliche”. Severgnini non assicura che dietro gli otto consigli ci sia il successo ma di sicuro un’Italia migliore. Un libro che ha già vinto il premio Cesare Pavese e che verrà presentato al Festival della letteratura di Mantova con Ivano Fossati. “Voi non potete sognare ragazzi, voi dovete farlo. Questo è l’unico ordine, gli altri erano solo consigli”, con queste parole Beppe Severgnini ha concluso il suo spumeggiante intervento applaudito da un vasto pubblico.

Si parla di

Video popolari

Inaugurato Parolario 2013: prima giornata con Loi e Severgnini

QuiComo è in caricamento