Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La villa del mafioso diventa una casa di accoglienza per madri in difficoltà

Una villa sequestrata a un mafioso a metà degli anni Ottanta è ora diventata una casa di accoglienza per madri in difficoltà. La villa, situata su un'altura in via Rovascino 171 a Lipomo, è stata inaugurata oggi alla presenza del vescovo di Como...

Una villa sequestrata a un mafioso a metà degli anni Ottanta è ora diventata una casa di accoglienza per madri in difficoltà. La villa, situata su un'altura in via Rovascino 171 a Lipomo, è stata inaugurata oggi alla presenza del vescovo di Como Diego Coletti, del prefetto Michele Tortora e dei rappresentanti della utorità cittadine di Lipomo e Tavernerio, oltre che del comandante dei Carabinieri. Nel suo discorso Tortora ha sottolineato la tempistica eccessiva con la quale è stato possibile destinare l'immobile sequestrato a un uso sociale e di utilità per la collettività: "per il futuro sarà necessario abbreviare questi tempi". Il vescovo ha invece evidenziato "la grande generosità di tanta gente comasca che senza farsi propaganda e senza pretendere ritorno di immagine si mette a disposizione della collettività".

Dopo l'accorato discorso del presidente del Centro aiuto alla vita, Pietro Tettamanti, dopo la benedizione del vescovo e il taglio del nastro, la villa è stata aperta al pubblico per una breve visita, al fine di mostrare come l'immobile sia stato ristrutturato e adeguato alle esigenze delle donne e dei loro figli che verranno ospitati. Già adesso vivono nella villa 4 mamme, 7 bambini più una ragazza incinta. A disposizione ci sono quattro camere da letto con sette posti per madri più altri piccoli letti per i loro bambini. Nella nuova casa di accoglienza lavorano tante giovani operatrici volontarie e assunte (vedi foto) che in queste settimane hanno sacrificato molto del loro tempo libero per allestire e praparere la villa in vista dell'ainaugurazione. L'immobile, in realtà,fu affidato a suo tempo alla croce rossa della provincia di Como, ma poiché si trova in una zona poco accessibile alle ambulanze è stato deciso di destinarlo, attraverso una convenzione, al Centro aiuto alla vita che ha sede in via Battisti a Como.

Una curiosità: nella villa sequestrata a un boss della mafia è stato svelato, durante i lavori di sistemazione, un vero e proprio bunker che veniva utilizzato dal criminale per nascondersi dalle forze dell'ordine. Il bunker era mimetizzato con il muro e l'ingresso veniva aperto attraverso un pulsante nascosto. Solo con la strumentazione a raggi infrarossi le forze dell'ordine riuscirono a scovare il nascondiglio con dentro l'uomo.

Si parla di

Video popolari

La villa del mafioso diventa una casa di accoglienza per madri in difficoltà

QuiComo è in caricamento