Lunedì, 18 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Paratie, la Corte dei Conti a giunta e tecnici: "Possibile danno erariale di 2,9 milioni di euro"

Una notizia devastante scuote il Comune di Como a poche ore dal voto sulla vendita delle azioni di Acsm Agam: la Corte dei Conti Lombardia infatti ha inviato al Comune di Como un invito a controdedurre rispetto all'ipotesi di possibile danno...

Una notizia devastante scuote il Comune di Como a poche ore dal voto sulla vendita delle azioni di Acsm Agam: la Corte dei Conti Lombardia infatti ha inviato al Comune di Como un invito a controdedurre rispetto all'ipotesi di possibile danno erariale in relazione alle paratie. La cifra per cui sarebbe chiamata a rispondere la giunta comunale - sindaco e assessori - oltre a due tecnici è complessivamente pari a 2,9 milioni, una cifra perfettamente coincidente con l'accordo bonario chiuso dall'amministrazione con Sacaim al termine di un lungo contenzioso su una serie di contestazioni mosse a suo tempo dall'azienda nei confronti di Palazzo Cernezzi. Nel dettaglio, per l'esecutivo sono stati chiamati a rispondere, oltre al sindaco Mario Lucini, gli assessori Magni, Iantorno, Cavadini, Introzzi, Magatti, Spallino e Gerosa per un totale di 400mila euro da suddividere egualmente (circa 50mila euro a testa). Per il dirigente ed ex responsabile unico del procedimento Antonio Ferro la richiesta è di 1,6 milioni mentre per l'ex dirigente ed ex direttore dei lavori sul lungolago Antonio Viola è di 900mila euro. La giunta e i tecnici hanno comunque 30 giorni di tempo per presentare la propria documentazione e le controdeduzioni rispetto alle ipotesi dei magistrati contabili.

Si parla di

Video popolari

Paratie, la Corte dei Conti a giunta e tecnici: "Possibile danno erariale di 2,9 milioni di euro"

QuiComo è in caricamento