Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dai 5 ai 10 secondi per rubare moto davanti al tribunale: il video

Partivano da Milano destinazione Como alla ricerca di moto potenti e costose da poter rubare e subito rivendere illegalmente nel mercato nero di Milano. I carabinieri di Como, in collaborazione con i militari della Compagnia Milano Monforte, hanno...

Partivano da Milano destinazione Como alla ricerca di moto potenti e costose da poter rubare e subito rivendere illegalmente nel mercato nero di Milano. I carabinieri di Como, in collaborazione con i militari della Compagnia Milano Monforte, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Como, a carico di un 21 enne milanese, ritenuto responsabile di due furti di motoveicoli, avvenuti nel mese di luglio, proprio all’esterno del Palazzo di Giustizia del Capoluogo Lariano.

L’uomo, unitamente a un complice tuttora in fase di identificazione, era stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza poste all’esterno del Tribunale mentre, in due diversi momenti, asportava rispettivamente una moto Augusta Brutale dal valore di circa 18mila euro ed un Yamaha T max del valore di 9mila euro circa.

Nel primo caso erano bastati solamente 11 secondi e uno spadino per disinserire il bloccasterzo della Brutale e accenderla comodamente. Mentre nel furto del T-max l’arrestato, a mani nude, ha impiegato soltanto cinque secondi per rompere il bloccasterzo forzandolo brutalmente ed accendere il mezzo per impossessarsene.

Grazie alle denunce dei due proprietari e le registrazioni delle telecamere che hanno filmato l’intero modus operandi del furto, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Como hanno avviato un’articolata e mirata attività info-investigativa che ha portato alla raccolta di un univoco quadro indiziario nei confronti del ragazzo italiano.

Nella perquisizione eseguita presso il suo domicilio di Milano i militari hanno rinvenuto gli indumenti e il casco utilizzati per commettere i furti. L’arrestato è stato portato al carcere “San Vittore” di Milano.

Si parla di

Video popolari

Dai 5 ai 10 secondi per rubare moto davanti al tribunale: il video

QuiComo è in caricamento