rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aumenti autostrada Como-Milano, protesta al casello di Fino

Protesta al casello dell’autostrada A9 a Fino Mornasco contro il “caro pedaggio”. Molti militanti della Lega Nord ma anche aderenti a comitati civici e sindaci dei comuni interessati si sono riuniti per manifestare contro gli aumenti...

Protesta al casello dell’autostrada A9 a Fino Mornasco contro il “caro pedaggio”. Molti militanti della Lega Nord ma anche aderenti a comitati civici e sindaci dei comuni interessati si sono riuniti per manifestare contro gli aumenti dell’autostrada Como-Milano. Quasi un centinaio i manifestanti presenti con striscioni, bandiere e magafono. Inevitabile qualche disagio per gli automobilisti in uscita dal casello.

Gli aumenti dell’oltre 11% sono stati applicati dal 1 gennaio 2014 e hanno creato davvero molto malcontento. Ora il costo per percorrere il tratto Como-Milano andata e ritorno sfiora gli 8 euro (per la tratta di 33 chilometri significa circa 13 centesimi a chilometro). Ciò lo rende il tratto autostradale più caro d'Italia. “Un costo davvero inaccettabile – ha commentato Giuseppe Napoli, sindaco di Fino Mornasco – Per noi il problema è duplice perché oltre ad un problema di costo ci saranno problemi relativi al traffico che attraversa il nostro paese perché molti automobilisti e soprattutto i mezzi pesanti usciranno al casello di Fino Mornasco per non dover pagare un ulteriore euro e mezzo ed uscire a Grandate a soli 4 chilometri di distanza”.

Per un comasco che parte da Como il primo casello per entrare in autostrada è quello di Grandate che costa 2,20 euro. Il casello di Fino Mornasco, invece, costa solo 70 centesimi anche se si trova solo a 4 chilometri più avanti.

Il picchetto è iniziato poco prima delle 11 e ha visto presenti, tra gli, il parlamentare comasco Nicola Molteni (Lega Nord), il consigliere regionale leghista Dario Bianchi e il commissario straordinario della Provincia Leonardo Carioni. Quest’ultimo ha spiegato che è pronto un ricorso al tribunale regionale contro questo iniquo aumento dei pedaggi, così come è già stato fatto dal suo collega Dario Galli per la Provincia di Varese. I comaschi peraltro pagano di più dei varesini per la precisione quasi 8 euro rispetto ai loro 6 euro.

“È vergognoso il fatto che le autostrade ormai si paghino solo al Nord perché al sud non ci sono pedaggi, sulla Salerno - Reggio Calabria si pagano zero euro – ha spiegato Nicola Molteni – Il Nord si è stancato, abbiamo presentato giovedì un question time alla Camera al ministro Lupi per chiedere anche degli incentivi a chi questo pedaggio lo deve percorrere tutti i giorni. Questa protesta potrà sfociare in un’ulteriore disobbedienza se non verranno rivisti questi pedaggi”.

Molto atteso l’intervento di Umberto Bossi che non è voluto mancare a questa iniziativa. “L’autostrada non è una vacca da mungere – ha dichiarato Bossi – è una vergogna che sia sempre il Nord a pagare soprattutto in questo periodo di crisi”.

Ha fatto sentire la propria voce anche Giancarlo Giorgetti, parlamentare Lega Nord: “È un dovere civico protestare contro questa ingiustizia. È impensabile che in altre parti di Italia l’autostrada sia sostanzialmente gratis, quello che deve valere per noi deve valere per tutti”.

Si parla di

Video popolari

Aumenti autostrada Como-Milano, protesta al casello di Fino

QuiComo è in caricamento