"Io riapro sicuro", nuovo aiuto per bar, ristoranti e micro imprese

Da Regione contributo fino a 25 mila euro per le spese di adeguamento covid-19

Bar a Como

Si chiama 'Safe-Working - Io Riapro Sicuro' il nuovo pacchetto di aiuti per le micro e piccole imprese lombarde, che ammonta a 18 milioni e 680 mila euro, di cui 15.200.000 di Regione Lombardia e 3.480.000 delle Camere di Commercio Lombarde.  Il provvedimento e' stato approvato oggi dalla Giunta di Regione Lombardia su proposta dell'assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli, con il concerto degli assessori Martina Cambiaghi (Sport e Giovani) e Melania Rizzoli (Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro).
 
"L'intervento - spiega il presidente Attilio Fontana - e' finalizzato a sostenere gli esercizi commerciali e le micro e piccole imprese lombarde che sono state oggetto di chiusura obbligatoria in conseguenza all'emergenza epidemiologica Covid-19, per aiutarle a riaprire adottando le misure adeguate durante la 'Fase 2' e ottenere giusti livelli di sicurezza sia per l'impresa stessa con i suoi dipendenti sia per i clienti sia infine per i fornitori".

I beneficiari

Il provvedimento riguarda i settori del commercio al dettaglio, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti), dell'artigianato, del manifatturiero, dell'edilizia, dei servizi e dell'istruzione.  Sono escluse le aziende che hanno proseguito l'attivita' e quelle che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti. 

Entità

L'aiuto consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 60% delle spese ammesse per le piccole imprese e fino al 70% delle spese per le micro imprese.  Il contributo e' concesso nel limite massimo di 25.000 euro. L'investimento minimo richiesto e' pari a 2.000 euro.

Spese ammissibili

Sono ammesse al contributo le spese per gli interventi che riguardano la messa in sicurezza sanitaria come per esempio: macchinari e attrezzature per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali; apparecchi di purificazione dell'aria, anche portatili; interventi strutturali per il distanziamento sociale all'interno dei locali; strutture temporanee e arredi finalizzati al distanziamento sociale all'interno e all'esterno dei locali d'esercizio (parafiato, separe', dehors); termoscanner; strumenti e attrezzature di igienizzazione per i clienti; dispositivi di protezione individuale come mascherine, guanti, occhiali; spese di formazione sulla sicurezza sanitaria, etc.  Unioncamere sara' soggetto gestore e attuatore della misura.  A seguito di questa delibera, nei prossimi giorni, sara' emanato un bando.

I commenti 

"Per le micro, piccole e medie imprese e' un momento drammatico. Per questo e' doveroso sostenere tutto il tessuto produttivo, perche' questa emergenza sanitaria sta diventando anche e sempre piu' economica" ha spiegato l'assessore Alessandro Mattinzoli. "C'e' quindi tutto il nostro impegno per aiutare le aziende, gli esercizi, le botteghe a essere nelle condizioni di riaprire rispettando le necessarie misure di prevenzione sanitaria. Tutto questo e' frutto di una fattiva collaborazione anche con il presidente di Unioncamere Lombardia Gian Domenico Auricchio". 

 "Un aiuto concreto - ha aggiunto l'assessore Martina Cambiaghi - che Regione Lombardia mette sul tavolo anche a chi opera nello sport per consentire di attivare tutti i protocolli sanitari per la ripartenza. La misura garantira' non solo alle grandi attivita', ma anche a quelle piccole e microimprese che operano in questo settore di poter partecipare". "Le imprese del settore sportivo - ha aggiunto Cambiaghi - in Lombardia rappresentano un importante comparto economico che negli ultimi 5 anni sono cresciute solo nella nostra regione del 33%. Quando si parla di sport lombardo ci riferiamo ad un business che genera oltre 1 miliardo di euro all'anno nei soli confini regionali con 4 mila (1.000 solo a Milano) imprese, prima regione d'Italia con un quinto del totale con oltre 10 mila addetti".

"Una misura che da' un sostegno vero alle imprese: queste vanno aiutate per uscire dal lockdown in totale sicurezza per i dipendenti , i clienti , i fornitori" ha specificato l'assessore Melania Rizzoli.  "Per evitare che aumenti il tasso di disoccupazione, per aiutare i l reddito delle famiglie, quindi i consumi, ogni atto e' vitale e Regione Lombardia da sempre attua politiche a favore della crescita. Oggi piu' di ieri". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Valduce, la ragazza sul tetto dell'auto che cerca la mamma

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

Torna su
QuiComo è in caricamento