Coronavirus

Il Cts pressa il Governo: "Con scuole chiuse servono misure più severe". Ipotesi lockdown

L'unica alternativa sarebbe quelle di una zona rossa in automatico nell'esatto istante in cui viene superata la soglia dei 250 contagi per 100mila abitanti

Il Cts ha consigliato all'esecutivo, vista l'attuale situazione pandemica in Italia, misure più severe o un lockdown duro. La sola alternativa sarebbe quella di una zona rossa in automatico nell'esatto istante in cui viene superata la soglia dei 250 contagi per 100mila abitanti.

Come riportato anche su Repubblica.it, il Comitato Tecnico Scientifico avrebbe "caldamente" invitato il governo a mettere questo ulteriore paletto per evitare che la situazione degeneri e vada fuori controllo. La soglia dei 250 contagi su 100mila abitanti è un punto presente anche nel nuovo Dpcm entrato in vigore oggi, 6 marzo e firmato dal premier Draghi ma nel testo la decisione in base a questo parametro del mettere o meno una regione/area in zona rossa viene delegata ai singoli governatori. Nel caso della Lombardia a Fontana.

Per il Cts invece dovrebbe essere un automatismo non facoltativo ma immediato. Se la curva epidemiologica dovesse continure a salire sarà inevitabile un "rafforzamento" del Dpcm in essere, che potrebbe prevedere il lockdown nei fine settimana, la chiusura di altre attività e il coprifuoco anticipato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cts pressa il Governo: "Con scuole chiuse servono misure più severe". Ipotesi lockdown

QuiComo è in caricamento