Civitas: "I senzatetto positivi al Covid sono la sentenza di fallimento della giunta Landiscina"

Venneri: "Sindaco, assessore alle politiche sociali e assessore alla sicurezza facciano un passo indietro dimettendosi"

Senzatetto in Comune

"Quello che non doveva  accadere è successo davvero.  Oggi la certificazione della presenza in città di sette persone senza dimora positive al Covid-19 rappresenta un atto d'accusa nei riguardi del sindaco e della maggioranza che ancora lo sostiene. Una sentenza di fallimento senza possibilità di appello. Non ci sono giustificazioni, né spiegazioni accomodanti". Non usa giri di parole Luca Venneri di Civitas, riportando la questione al centro del dibatitto politico dopo il discutibile "no" di cittadini e residenti di attivare il nuovo dormitorio per i senzatetto in via Cadorna.  

"Mentre i cittadini si interrogano se ci siano altri Covid-positivi tra le persone che vivono tra portici e panchine e tutti coloro che hanno avuto interazioni dirette o indirette con costoro sono in allarme - aggiune Vennerri - è chiaro a tutti che ciò succede nella seconda metà di giugno, due settimane dopo che centinaia di persone sono state mandate in strada e le strutture aperte hanno decretato il "tutti fuori"  tra una panchina, quattro chiacchiere con gli amici, una birra e un salto al centro diurno. Come più volte ribadito il prendersi cura dei cittadini finisce là dove si abbandonano coloro che non sono in condizione di cavarsela da soli. Il sindaco è responsabile della tutela della salute dei suoi cittadini. Il sindaco di Como è anche medico". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ora - conclude Venneri - la politica dello struzzo messa in campo da questo sindaco combinata con il rozzo mono-pensiero leghista e declinata nelle propagandistiche grida manzoniane dell'assessora alla pseudo-sicurezza non deve far altro che assumersi, dinanzi ai cittadini e per intero, la responsabilità di questo evento davvero imperdonabile.  La  gestione dei senza dimora nel tempo dell'emergenza Covid-19 si è manifestata per quello che è: inadeguata e, quindi, letteralmente disastrosa .Sindaco, assessore alle politiche sociali e assessore alla sicurezza facciano un passo indietro dimettendosi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Omicidio in piazza San Rocco a Como: ucciso don Roberto Malgesini

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Chi era don Roberto Malgesini: un vero prete "di strada", in aiuto dei più deboli

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento