Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

Si dovrà attendere probabilmente il 15 giugno

Una vera e propria doccia fredda per il territorio comasco è arrivata dal Ticino con le dichiarazioni rilasciate alla tv elvetica da Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino. Gobbi, infatti, ha spiegato che il Ticino non riaprirà la frontiera con l'Italia per scopi non lavorativi il 3 giugno, come annunciato dal premier italiano Giuseppe Conte: "L’Italia non ha concordato la data del 3 giugno neanche con l’Unione europea, che ha invece fissato la riapertura della libera circolazione al 15 giugno . Dunque, se l’Italia dovesse aprire, la Svizzera non apre di sicuro. I dati dei contagi non sono ancora rassicuranti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un brutto colpo per il commercio e il turismo lariano. Infatti, da una parte la clientela svizzera rappresenta una buona parte del fatturato per molti negozi, dall'altra parte il territorio elvetico rappresenta una comoda via per raggiungere il Lago di Como (e l'Italia in generale) dalla Germania e da altri Paesi del centro e nord Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento