rotate-mobile
/~shared/avatars/8551672010106/avatar_1.img

Alessandra

Rank 0.0 punti

Iscritto venerdì, 11 maggio 2018

Como lungolago, è successo ancora: uomo investito da una moto sulle strisce pedonali

"Io penso che sia sempre il conducente il responsabile di ciò che accade. Mai il mezzo. A volte può esserlo la viabilità, quando la segnaletica è inefficace o mancante, ma non è il caso del lungolago di Como.
Credo il fatto sia che ormai si è diffuso un generale senso di insofferenza verso “l’altro”, e si manifesta anche sulle strade. Liti continue tra automobilisti, gente che sfreccia a velocità assurde procedendo a zigzag pur di non aspettare un attimo o rallentare un poco. Come se “nessuno può impedirmi qualcosa, nessuno deve andare o essere prima di me”. Aggiungi il senso di libertà che dà la moto, e il gioco è fatto. L’auto ferma, il bus fermo, sono un ostacolo alla propria libertà, alla voglia di sfrecciare e si sorpassa. Non si pensa nemmeno che qualcuno si possa essere fermato per “gentilezza” verso un pedone. Quello che dovrebbe essere un dovere ormai è diventato gentilezza. E la gentilezza oggigiorno, purtroppo, è cosa per pochi."

27 commenti

Como lungolago, è successo ancora: uomo investito da una moto sulle strisce pedonali

"Sono d’accordo con lei. È sempre il conducente il responsabile di ciò che accade. Mai il mezzo. A volte può esserlo la viabilità, quando la segnaletica è inefficace o mancante, ma non è il caso del lungolago di Como.
Credo il fatto sia che ormai si è diffuso un generale senso di insofferenza verso “l’altro”, e si manifesta anche sulle strade. Liti continue tra automobilisti, gente che sfreccia a velocità assurde procedendo a zigzag pur di non aspettare un attimo o rallentare un poco. Come se “nessuno può impedirmi qualcosa, nessuno deve andare o essere prima di me”. Aggiungi il senso di libertà che dà la moto, e il gioco è fatto. L’auto ferma, il bus fermo, sono un ostacolo alla propria libertà, alla voglia di sfrecciare e si sorpassa. Non si pensa nemmeno che qualcuno si possa essere fermato per “gentilezza” verso un pedone. Quello che dovrebbe essere un dovere ormai è diventato gentilezza. E la gentilezza oggigiorno, purtroppo, è cosa per pochi."

27 commenti

Calenda rinuncia a Doha Zaghi, la mistress candidata per il centrosinistra a Como: "Non ci sono i presupposti"

"Io non ho proprio nulla contro Doha Zaghi e la sua professione… Tenerla in lista sarebbe una bella dimostrazione di libertà di scelta, di non condizionamento e di apprezzamento delle capacità politiche e progettuali della persona, e non della performer.
Ma mi rendo conto che per il centrosinistra è difficile vincere a Como, città storicamente di destra. E quindi, a mio parere, lasciamo perdere… Como è troppo provinciale per scelte di questo tipo. Evitiamo di distrarre i comaschi dal programma, alimentando i pruriti di alcuni (tanti?) cittadini.
Avanti tutta… e vinca il più votato. 🤞🏼🤞🏼 Forza Minghetti!!"

2 commenti

Chiude la storica latteria San Fedele: "Ma continueremo come ristorante"

"Che tristezza… il centro storico di Como ormai di “comasco” ha sempre meno… Ci sono solo tavoli, tavolini, vestiti e scarpe. È ormai solo per i turisti. I comaschi lo hanno abbandonato e i negozianti, purtroppo, chiudono. È colpa nostra. A me piace far la spesa nelle botteghe. Non amo i supermercati, il fresco non lo compro mai li. Ma siamo troppo in pochi… Mi rattristano molto tutte queste chiusure…"

2 commenti

La squadra di Europa verde che sostiene Minghetti. Parola d'ordine: "forestazione urbana"

"5 stelle docet… Via i partiti, apriamo le scatolette di tonno, i due mandati, abbasso la politica dei poteri… E poi i 5 stelle diventano un partito, tolgono i due mandati e cercano (senza riuscirci), di mantenere il potere.
Ma voi che votate Rapinese e sputate sulla “politica”, cosa credete che faccia il buon Alessandro..? Il fruttivendolo?!? Cercate proposte concrete, e lasciate perdere chi per farsi notare sa solo aggredire e indultate gli altri! Ripeto: 5 stelle docet 😎"

5 commenti

Como lungolago, è successo ancora: uomo investito da una moto sulle strisce pedonali

"Io penso che sia sempre il conducente il responsabile di ciò che accade. Mai il mezzo. A volte può esserlo la viabilità, quando la segnaletica è inefficace o mancante, ma non è il caso del lungolago di Como.
Credo il fatto sia che ormai si è diffuso un generale senso di insofferenza verso “l’altro”, e si manifesta anche sulle strade. Liti continue tra automobilisti, gente che sfreccia a velocità assurde procedendo a zigzag pur di non aspettare un attimo o rallentare un poco. Come se “nessuno può impedirmi qualcosa, nessuno deve andare o essere prima di me”. Aggiungi il senso di libertà che dà la moto, e il gioco è fatto. L’auto ferma, il bus fermo, sono un ostacolo alla propria libertà, alla voglia di sfrecciare e si sorpassa. Non si pensa nemmeno che qualcuno si possa essere fermato per “gentilezza” verso un pedone. Quello che dovrebbe essere un dovere ormai è diventato gentilezza. E la gentilezza oggigiorno, purtroppo, è cosa per pochi."

27 commenti

Como lungolago, è successo ancora: uomo investito da una moto sulle strisce pedonali

"Sono d’accordo con lei. È sempre il conducente il responsabile di ciò che accade. Mai il mezzo. A volte può esserlo la viabilità, quando la segnaletica è inefficace o mancante, ma non è il caso del lungolago di Como.
Credo il fatto sia che ormai si è diffuso un generale senso di insofferenza verso “l’altro”, e si manifesta anche sulle strade. Liti continue tra automobilisti, gente che sfreccia a velocità assurde procedendo a zigzag pur di non aspettare un attimo o rallentare un poco. Come se “nessuno può impedirmi qualcosa, nessuno deve andare o essere prima di me”. Aggiungi il senso di libertà che dà la moto, e il gioco è fatto. L’auto ferma, il bus fermo, sono un ostacolo alla propria libertà, alla voglia di sfrecciare e si sorpassa. Non si pensa nemmeno che qualcuno si possa essere fermato per “gentilezza” verso un pedone. Quello che dovrebbe essere un dovere ormai è diventato gentilezza. E la gentilezza oggigiorno, purtroppo, è cosa per pochi."

27 commenti
  • Commenti generici: 100 commenti
QuiComo è in caricamento