Motori Minarelli torna italiana: l'azienda di Calderara passa da Yamaha a Fantic Motor

Passaggio dai giapponesi all'azienda fondata nel 1968, con sede a Dosson di Casier

Fantic Motor acquisisce da Yamaha la storica azienda di Calderara. A renderlo noto sono Fiom e Fim Cisl, dopo l'acquisizione da parte di Fantic Motori della Motori Minarelli di Calderara di Reno, un passaggio quindi dalla giapponese Yamaha all'azienda veneta, fondata nel 1968, con sede a Dosson di Casier (TV), che produce moto, appunto. 

Lo storico stabilimento bolognese, sotto la guida giapponese, dopo avere attraversato diverse ristrutturazioni ha subito a fine 2017 "un forte ridimensionamento con il licenziamento di 58 lavoratori che accettarono di uscire a fronte di un incentivo economico concordato dopo una lunga e dura vertenza", fanno sapere i sindacati che esultano per la notizia "riconosce in primis le competenze tecniche delle lavoratrici e dei lavoratori presenti nel sito bolognese, da noi sempre difese e sostenute in questi anni difficili. Tale acquisizione sancisce chiaramente il riconoscimento della capacità di industrializzazione del prodotto che è sempre stata realizzata nel sito bolognese, anche sotto la guida giapponese". 

Le sigle sindacali vedono con occhio positico che questo storico marchio ritorni di proprietà italiana ed auspicano "che la nuova proprietà, un marchio che ha fatto la storia del motociclismo, sia volano di sviluppo sia per i prodotti che per la tecnologia affrontando anche la sfida della mobilità elettrica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Circola su WhatsApp la nuova truffa: questa volta arriva da un numero della vostra rubrica

  • Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

  • Luce sulla città: 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Como: Seconda Strada apre un punto vendita in via Cecilio

  • Como e la Lombardia in zona arancione, le regole per andare da amici e parenti

  • Il calendario sintetico, data per data, delle riaperture dal 26 aprile

Torna su
QuiComo è in caricamento