I 5 incroci e strade più pericolosi di Como

In città circa 1.600 incidenti ogni anno

Sono circa 1.600 gli incidenti che si verificano sulle strade di Como ogni anno. Non è difficile individuare alcune strade o incroci che, statisticamente parlando, sembrano essere più pericolosi di altri. Ci sono punti ben precisi, infatti, dove scontri e tamponamenti sono più frequenti. Per alcune di queste strade si può parlare di "alta pericolosità" come nel caso di via Napoleona dove negli anni si sono succeduti numerosi gravi incidenti, anche con esito letale. Ecco, quindi, la classifica dei cinque snodi o strade più pericolosi in cui è bene fare molta attenzione ai limiti, agli stop e alle precedenze.

Via Napoleona

Da sempre via Napoleona è una delle strade più pericolose non solo della città ma della provincia. E' una strada percorsa spesso e volentieri a velocità superiore ai limiti (50 km/h o 30 km/h nel caso di presenza di buche).

incidente auto ribaltata in via Napoleona-2

Tra i suoi punti pericolosi vi è una curva dove è successo spesso che veicoli provenienti da direzioni opposte si urtassero, a volte in modo pressoché frontale. Il 22 settembre 2018 un'auto è volata fuori strada.  Il 14 aprile 2019 due ragazzi sono rimasti gravemente feriti dopo che la loro auto si è ribaltata a seguito di un frontale. Questi sono solo due di numerosi incidenti avvenuti nel giro di un anno.

Via Borgovico-via Bellinzona

Incidente in via Borgovico-2

Uno degli incroci dove più di frequente si verificano incidenti è l'intersezione tra via Borgovico, via Bellinzona e via per Cernobbio. Capiota spesso che veicoli provenienti da due di queste strade si scontrino a causa di una mancata precedenza. Spesso a non rispettarla è chi proviene da Cernobbio. Numerosi incidenti hanno visto come protagonisti scooter e moto.

Piazza San Rocco

Un altro snodo ad alto tasso di incidenti è piazza San Rocco, in fondo alla Napoleona. Qui la pericolosità è data da diversi fattori, primo fra tutti quello "umano". Infatti, sono numerosi gli automobilisti che non rispettano obblighi e divieti di svolta.

incidente bus auto in piazza San Rocco-2

Per esempio, come è noto, ci sono persone che una volta percorsa fino in fondo la Napoleona decidono di fare inversione (cosa vietatissima) per risalirla al contrario. Inoltre, gli autobus provenienti da via Milano avrebbero la precedenza ma è capitato spesso che si scontrassero con auto provenienti da via Grandi o da via Napoleona. Insomma, anche qui è richiesta la massima attenzione, almeno fino a quando la futura rotatoria non proverà a rendere questo snodo più sicuro.

Iper di Grandate

incidente Iper di Grandate ribaltamento-2

Un'altra intersezione di strade ad altissimo tasso di incidenti è quella antistante l'Iper di Grandate, appena fuori Como, lungo la Statale dei Giovi. Non si contano gli scontri, le auto fuori strada o ribaltate. Qui manca una vera e propria rotatoria. La "gestione" della viabilità è affidata a un paio di stop che non servono certo a rallentare l'andatura, spesso veloce, delle auto provenienti da entrambe le direzioni della Statel dei Giovi.

Viale Battisti

In pieno centro città c'è una strada dove spesso a farne le spese sono i pedoni, non per colpa degli automobilisti, ma dei pedoni stessi. Viale Battisti è la strada che passa davanti al tribunale. E' a senso unico per le auto (ma c'è una corsia preferenziale per bus e taxi che va in direzione opposta). Qui spesso i pedoni attarversano nel tratto privo di attraversamento pedonale. Anziché utilizzare il sottopassaggio o camminare per poche decine di metri per raggiungere le strisce pedonali, molti scelgono di "buttarsi" in strada anziché

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e sul lago

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento