Lungolago di Como, bando in ritardo: incontro in Regione per il progetto

Il vertice nei prossimi giorni: ancora incognite sul futuro del cantiere delle paratie

I rendering del nuovo lungolago di Como

Potrebbero slittare ancora i lavori per il nuovo lungolago di Como
A rischio l'inizio del cantiere, previsto per settembre: secondo quanto riportato dal quotidiano La Provincia, il progetto esecutivo, concluso, è in fase di verifica e validazione: nei prossimi giorni l'assessore regionale agli Enti Locali Massimo Sertori ha chiesto un incontro con i tecnici della Regione e quelli di Infrastrutture Lombarde, secondo quanto riferito al quotidiano dal suo ufficio stampa.

Non ancora pubblicato il bando: la gara d'appalto, secondo quanto annunciato nei mesi scorsi dallo stesso Sertori, doveva avvenire entro fine febbraio. Ma da allora non si è saputo più nulla. 
Lo scorso gennaio proprio Sertori aveva voluto rassicurare i comaschi: "Stiamo mantenendo gli impegni assunti e il cronoprogramma definito - aveva detto -  Non ci sono elementi ad oggi -che facciano pensare a ritardi nella realizzazione dei lavori. Continueremo a portare avanti l'iter con la massima trasparenza e garantisco che l'attenzione è e resterà sempre alta". 

A questo punto bisogna attendere il vertice dei prossimi giorni per capire i nuovi tempi sia per l'appalto che per l'inizio del cantiere. Ricordiamo che la Regione aveva detto che i lavori per il completamento del lungolago di Como e del sistema di paratie anti-esondazione si dovevano concludere entro il 2022.

Un cantiere che, lo ricordiamo, è aperto dal lontano 2008.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, continuano a salire i contagi: in Lombardia sono 212

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento