Piazza De Gasperi a Como, solstizio d'estate blindato alle 23

Da oggi è in vigore il coprifuoco: una sentenza che fa paura al turismo

de gas

Nessuna soluzione bonaria. Alla fine, in assenza di un De Gasperi, come avevamo provocatoriamente scritto lo scorso maggio, piazza De Gasperi a Como dovrà fare silenzio alle 23: tutti i giorni, anche nella stagione calda, quando l'afflusso dei turisti è particolarmente siginficativo. A decidere il destino di uno dei pochi luoghi della città dove è possibile cenare vista lago, ci ha pensato il magistrato che ha accolto in toto, in via tutelare e in attesa di giudizio, l’istanza del residente che ha fatto ricorso contro i locali di piazza De Gasperi. Da questa sera, giovedì 21 giugno, solstizio d'estate, alle 23 dovrà cessare ogni tipo di attività di ristoro. Ne consegue che i clienti dovranno essere allontanati dai tavoli per tempo dagli esercenti, responsabili anche di quando succede all'esterno dei loro locali. Una sentenza che fa tremare la vocazione turistica di una città che ancora una volta si è fatta trovare impreparata a gestire una situazione che ora potrebbe anche coinvolgere altre piazze. La vicenda è comunque destinata a far emergere un problema al quale occorre dare risposte definitive. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento