Grandate, rissa al bar per il conto troppo salato: denunciati 4 uomini

L'episodio il 16 giugno 2018: nei guai gestori e clienti

Carabinieri a Grandate

Il conto gli era sembrato troppo salato e così il cliente era tornato nel bar, aveva litigato con il gestore scatenando una rissa che aveva coinvolto 4 persone. Ora sono stati tutti identificati dai carabinieri e denunciati.
Era successo la notte del 16 giugno 2018 all'ex Cafè Mirò, ora White Club, di via Madonna del Noce a Grandate. 
Adesso i carabinieri della Stazione Carabinieri di Fino Mornasco, dopo una certosina attività investigativa, hanno denunciato, in stato di libertà, quattro persone resesi responsabili di rissa aggravata.

I fatti

La notte del 16 giugno scorso, all’interno del bar, era scoppiata una rissa che aveva visto coinvolte 4 persone, il tutto per una consumazione. Secondo quanto ricostruito dai militari, un cliente (avventore del locale in compagnia del padre), dopo aver consumato dei limoncelli ed una grappa, aveva pagato regolarmente il conto e si era allontanato. Dopo poco, però, era tornato sui propri passi, lamentandosi di un’incongruenza sul prezzo riportato nello scontrino. Da qui la lite con il gestore del bar. In soccorso di quest’ultimo era intervenuto il figlio e in concomitanza nella lite si era inserito anche il padre del cliente.

Le indagini e le denunce


E' scoppiata dunque una rissa ricostruita dai carabinieri sulla base delle testimonianze raccolte e sull’analisi dei sistemi di video-sorveglianza. Le quattro persone sono state denunciate dalla Stazione Carabinieri di Fino Mornasco per il reato di rissa aggravata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento