Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cantù Via Giuseppe Mazzini

Cantù, quattro colpi di fucile contro una gatta: salva per miracolo

Ferita da un'arma ad aria compressa: è caccia al colpevole del gesto crudele

La gatta ferita a Cantù

Una gatta di appena un anno ferita a colpi di un fucile o una carabina ad aria compressa. E' successo nei giorni scorsi a Cantù, in via Mazzini. Il fatto è stato denunciato su facebook dalla proprietaria dell'animale. 
Principessa, questo il nome della gattina, era scappata di casa nella serata di martedì 13 marzo 2018. Un fatto accidentale e inusuale, spiegano i padroni, dal momento che l'animale è abituato a stare in casa. Di lei, nonostante le ricerche, nessuna traccia. La gatta ha trascorso l'intera nottata e la giornata successiva lontano dall'abitazione. Principessa ha fatto ritorno solo nella serata di mercoledì 14 marzo: quando la sua padrona è tornata dal lavoro, l'ha trovata nascosta sotto la legnaia: cercando di prenderla si è trovata davanti questa terribile scena. La gatta era ferita, spaventata e sanguinante. Principessa aveva un piombino conficcato nel muso, accanto al naso e poco distante da un occhio. La gatta è stata subito portata dal veterinario che, fatte le lastre, ha riscontrato la presenza di altri 3 pallini: nella coscia, sul collo e nel torace, vicinissimo al cuore. Insomma, una fortuna che sia ancora viva. Principessa è stata operata giovedì: rimosso solamente il pallino sul muso, per gli altri il veterinario ha reputato più sicuro non rischiare e per il momento lasciarli dove si trovano. Principessa verrà dimessa nelle prossime ore. Ora dovrà seguire una cura antibiotica e avrà bisogno sicuramente di tutto l'amore dei suoi padroni per superare questo trauma causato dall'inciviltà di persone crudeli.
Il veterinario che ha in cura la gatta ha denunciato il fatto all'Ats, come spiegato dai proprietari che si stanno attivando per sporgere denuncia ai carabinieri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantù, quattro colpi di fucile contro una gatta: salva per miracolo

QuiComo è in caricamento