QuiCantù

Cantù, migrante irregolare arrestato 5 volte prima di essere espulso

Furto, spaccio, violenza e guida in stato d'ebbrezza: la fedina penale di un marocchino

Migrante fermato dalla polizia di Como

E' stato arrestato ben cinque volte: arrestato e condannato per furto aggravato, arrestato due volte per lo spaccio di sostanze stupefacenti, arrestato per minacce e resistenza a pubblico ufficiale, arrestato condannato per guida in stato di ebrezza. IQuesta fedina penale lunga un chilometro appartie a un marocchino di 39 anni domiciliato a Cantù. E' riuscito ad accumulare tutta questa serie di reati prima di essere finalmente espulso dall'Italia.

E' stato necessario un lungo e meticoloso lavoro di indagini e controlli da parte degli agenti della polizia locale di Cantù e degli uomini della Questura di Como che hanno collaborato per riuscire ad acquisire gli elementi utili per ottenere ed effettuare il rimaptrio del marocchino. Un'operazione tutt'altro che semplice. Infatti, stata condotta una lunga e complessa attività di raffronto tra banche dati, contatti con i consolati e verifiche documentali. Tale lavoro ha permesso di ricostruire l’esatta identità del cittadino straniero, presente da anni irregolarmente nel territorio italiano e già destinatario di due decreti di espulsione e cinque ordini del Questore a cui non aveva ottemperato, ed in tal modo ottenere dal Consolato del Marocco di Milano il lasciapassare necessario all’effettiva esecuzione dell’espulsione dal territorio nazionale a mezzo di scorta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli uomini della  polizia locale di Cantù hanno monitorato per lungo tempo il comportamento del cittadino marocchino, che è stato rintracciato sotto i portici della chiesa di San Paolo, fornendo contestualmente informazioni determinanti per il lavoro dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Como. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da sabato 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Torna l'autocertificazione in Lombardia: con il coprifuoco servirà per circolare dalle 23 alle 5

  • Como, non vuole indossare la mascherina e si ribella ai poliziotti: arrestato in centro storico

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Sul lago di Como come in America: apre il campo delle zucche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento