Camerlata Via Giovanni Battista Scalabrini

Stazione unica dei treni a Camerlata, in arrivo un parcheggio da 300 posti per i pendolari

Approvato il progetto definitivo: lavori al via a inizio 2019

La stazione di Como Camerlata dove sorgerà la nuova area di interscambio

Una nuova stazione unica per i treni a Camerlata, dove oggi sorge quella di Trenord, un ponte pedonale e un parcheggio per i pendolari da 300 posti.
Sono le novità in arrivo per la nuova area di interscambio di cui la giunta comunale di Como ha approvato il progetto definitivo, come scrive la Provincia di sabato 3 marzo 2018. 3 milioni di euro il costo dell'operazione, stanziati da Regione Lombardia. 
Il cantiere dovrebbe partire a inizio 2019 e dovrebbe concludersi tra la fine di quell'anno e la metà del 2020.
 

Il progetto

La nuova area di interscambio sorgerà al posto dell'attuale stazione di Como Camerlata di Trenord. Addio, invece, allo scalo di Albate-Camerlata che non sarà più utilizzato per il trasporto dei passeggeri ma rimarrà ad uso delle ferrovie. Lungo il tratto di linea adiacente alla stazione Nord verrà realizzata una nuova fermata: l'obiettivo è quello di permettere un efficace interscambio tra le reti. Di fatto i passeggeri potrenno accedere non soltanto ai treni diretti a Cadorna e Milano Garibaldi, ma anche a quelli per Como San Giovanni e quindi da lì per la Svizzera. 

Il ponte pedonale e il percorso ciclopedonale

La nuova fermata e la stazione Como Camerlata saranno collegate da un sovrappasso pedonale dotato di ascensori.Verrà realizzato anche un percorso ciclopedonale in continuità con quello proveniente da via Tentorio per raggiungere l'istituto scolastico Da Vinci-Ripamonti.

Il parcheggio

Tra le novità più importanti, la realizzazione di un parcheggio per i pendolari: sarà un'area da 290 posti auto con parcometro che sorgerà al posto dell'area incolta dietro alla scuola Da Vinci-Ripamonti, più un posteggio per le moto e un'area di sosta coperta per le biciclette. In arrivo anche una fermata dell'autobus per le linee 3, 6, 8 e C50. Verrà modificata anche la viabilità per permettere il collegamento tra il parcheggio e la rotatoria tra via Tentorio e via del Lavoro, per intenderci quella che porta alla bretella della tangenziale di Como. 

Tempi e costi

Dopo i 60 giorni per la progettazione esecutiva, l'ipotesi, come scrive la Provincia, è di un bando per l'appalto dei lavori nel luglio 2018, quindi l'avvio del cantiere a inizio 2019 e da lì un anno e mezzo per la conclusione.
3 milioni di euro, come detto, sono stati stanziati dalla Regione. Previsti anche finanziamenti dall'Unione Europea e da Rfi per un totale di oltre 6 milioni di euro. Palazzo Cernezzi non ha messo fondi, ma è il soggetto cui spetta il compito di attuare l'intervento, seguendo progettazione, appalto e direzione delle opere legate alla nuova fermata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazione unica dei treni a Camerlata, in arrivo un parcheggio da 300 posti per i pendolari

QuiComo è in caricamento