menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Varesina dopo i lavori

Via Varesina dopo i lavori

Ecco l'alternativa alla soppressione dei posti auto in via Varesina a Como

Confesercenti ha incontrato l'assessore comunale al Commercio Marco Butti

Mercoledì 14 Febbraio una delegazione guidata dal presidente di Confesercenti Claudio Casartelli e dal direttore Angelo Basilico è stata ricevuta in Comune dall'assessore al Commercio Marco Butti per affrontare alcune tematiche, ad iniziare dal piano Esselunga che prevede la soppressione di alcuni posti auto a servizio di residenti e commercianti in via Varesina.
Confesercenti ha preso visione del progetto e ha rimarcato l'assoluta necessità di un piano di compensazione dei posti auto che verranno soppressi, indicando la possibile soluzione nel parcheggio con circa 40 posti auto nella traversa di via Giustizia e Libertà (oggi l'accesso è regolato da una sbarra e il parcheggio in molti giorni risulta chiuso senza una logica).

L'assessore Butti ha tenuto a ribadire che il piano di riqualificazione è stato ereditato dalla Giunta Lucini-Spallino e, grazie all'intervento dell'amministrazione attuale, limiterà a 7 i posti auto che verranno soppressi (da 32 a 28 da via Lissi a scendere in via Varesina e da 11 ad 8 a salire) e non quasi tutti come inizialmente paventato. L'assessore, inoltre, ha assicurato che non verrà realizzato lo spartitraffico centrale che sarebbe risultato solo di intralcio ai mezzi di soccorso e, soprattutto, si è impegnato a risolvere con gli uffici comunali la vicenda patrimoniale e giuridica del parcheggio di via Giustizia e Libertà, con l'obiettivo di farne un'area regolamentata di sosta per i clienti delle attività in via Varesina e per i residenti.
"Ringraziamo l'assessore Butti per la capacità di ascolto dimostrata. Quando tutte le vicende di via Varesina saranno meglio definite - ha affermato Casartelli - indiremo insieme agli esercenti della via un'assemblea pubblica per comprendere appieno il piano del Comune di Como, con l'obiettivo fondamentale di arrivare ad una soluzione che tuteli e salvaguardi i negozi di vicinato, che senza parcheggi per i clienti sono destinati alla chiusura, con impoverimento del tessuto economico e sociale del quartiere".

Confesercenti ha affrontato con l'assessore Butti anche altre tematiche, tra cui Luna Park, bando Esselunga per la messa in sicurezza dei negozi di vicinato di Camerlata e Fiera del Libro di Como 2018.
Per quanto riguarda la Fiera del Libro di Como 2018, che dovrebbe svolgersi dal 25 Agosto al 9 Settembre in piazza Cavour sotto il tradizionale tendone da 600 mq, L'Associazione Manifestazioni Librarie e Confesercenti hanno chiarito che senza la conferma da parte del Comune della riduzione della Tassa di occupazione di suolo pubblico la 66° edizione della manifestazione non potrà svolgersi. La riduzione è stata concessa nelle ultime tre edizioni, da quando cioè gli uffici comunali hanno mutato l'inquadramento della manifestazione da culturale a commerciale. In verità, il bilancio tra costi e ricavi ogni anno risulta sostanzialmente in pareggio e quella realizzata dagli editori è una vetrina di promozione culturale dei libri, degli autori e della lettura. L'assessore Marco Butti si è impegnato a fornire una risposta nei primi giorni di marzo: in quella data si saprà se la Fiera del Libro di Como si potrà svolgere anche quest'anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Economia

Le 'gonne ruffiane' made in Como conquistano New York

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento