Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Truffe in strada: ecco come difendersi

 

L'ultima frontiera delle truffe sembra essere quella della strada: dopo la truffa dello specchietto ecco farsi strada quella del finto investimento.

E' successo una decina di giorni fa in piazza Santa Teresa a Como: un uomo ha finto di essere investito da un'auto che stava uscendo in retromarcia da un parcheggio. L'uomo ha rifiutato i soccorsi e ha chiesto invece soldi alla donna al volante per chiudere la faccenda.
Gli è andata male: proprio in quel momento, infatti, è passata una pattuglia in borghese della polizia locale di Como che si è subito insospettita per l'atteggiamento dell'uomo.
Il suo tentativo è stato infine smascherato dalle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza di un negozio.

Episodi del genere, però, cominciano a diventare frequenti.

Ecco allora i consigli di Aurelio Giannini, commissario capo della polizia locale di Como, per difendersi.

Cosa fare

Se si rimane coinvolti in incidenti stradali in cui l'altra parte insiste per ricorrere a procedure "non ordinarie", quali possono essere la constatazione amichevole o il rilievo da parte delle forze dell'ordine, chiamare subito i soccorsi (vigili o 118): ciò farà desistere i malintenzionati che, avendo simulato l'infortunio, non hanno alcuna intenzione di essere identificati.

Diffidare di quanti chiedono immediatamente un risarcimento danni e il pagamento di una somma di denaro.

Se la persona è insistente e i toni aggressivi cercare di coinvolgere immediatamente altre persone nelle vicinanze, stando attenti che non si tratti  di complici, e chiamare i soccorsi.

Fare attenzione se la dinamica dell'incidente appare strana, quasi fulminea, quando cioè si ha la sensazione di non aver commesso le manovre che vengono contestate.

Verificare la presenza o meno di elementi che normalmente compaiono dopo un investimento, come segni nella carrozzeria, vestiti lacerati o ferite.

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento