Soccorso alpino, esercitazione sui Corni di Canzo: le immagini

Progetto di interscambio tra squadre di diverse regioni

Sempre più spesso capita che ci siano interventi in cui gli uomini del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (Cnsas) sono chiamati a operare con soccorritori che non conoscono o in contesti fisici e geografici poco o per nulla conosciuti. Un esempio in questo senso è stata la vicenda di Rigopiano: una valanga, una nevicata eccezionale e il terremoto hanno creato una situazione che si verifica assai di rado. Nei giorni scorsi i soccorritori del Triangolo Lariano hanno messo in atto ai Corni di Canzo una iniziativa che fa parte di un progetto di interscambio di manovre e di procedure, con stazioni del Cnsas che appartentono a diverse regioni.

Vi erano già state, in precedenza, esercitazioni simili, come ad Alleghe, nel Bellunese, o in Lunigiana - Val di Vinca, proprio con i colleghi toscani. Più di quaranta i soccorritori che hanno partecipato: i lombardi della XIX Delegazione, stazione del triangolo Lariano, e le squadre di Carrara del Soccorso alpino Toscana. Dopo l’accoglienza al centro del Bione, si sono impegnati nei pressi del rifugio Sev a Pianezzo in quattro scenari diversi: barella portantina, calata in parete con grappolo di recupero di persona non ferita ma in difficoltà, due calate con ripresa ancoraggio e imbarellamento in parete. Era presente anche un istruttore regionale del Cnsas Lombardo. Una esperienza decisamente positiva, che permetterà di crescere per essere pronti ad affrontare le difficoltà durante l’emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento