Mense scolastiche, il Comune di Como ha deciso: metà dei pasti saranno preparati da un'azienda esterna

Dal prossimo anno scolastico il 53% dei pasti sarà preparato da un gestore selezionato attraverso bando pubblico

La giunta del Comune di Como ha deciso: la metà dei pasti delle mense scolastiche saranno preparati dal un'azienda esterna. E' ora nero su bianco quanto anticipato nelle scorse settimane e che tante polemiche ha suscitato soprattutto tra i sindacati anche a causa dell'inevitabile taglio di personale assunto a tempo determinato dal Comune e impiegato in mense e refettori.

La delibera di giunta

La giunta comunale ha deliberato l'indirizzo per la sperimentazione della parziale esternalizzazione del servizio di ristorazione scolastica. Dal prossimo anno scolastico la gestione del servizio sarà di tipo misto, con la cessione del 53% della preparazione dei pasti destinati alle scuole a un gestore esterno che verrà scelto tramite apposito bando di concorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa cambia

L'amministrazione comunale ha ascoltato le osservazioni emerse durante i tavoli di confronto e rivisto il piano di chiusura di alcune cucine. I plessi che usufruiranno del servizio esternalizzato saranno quelli non dotati di cucina che già attualmente ricevono i pasti, con l'aggiunta di quattro scuole che per caratteristiche particolari e/o necessità di adeguamenti imposti dall'Ast hanno cucine che non possono essere mantenute in funzione. Si tratta delle scuole di via Alciato, di Breccia, di Prestino e di Monteolimpino. Le altre cucine continueranno a funzionare grazie all'attività del personale a tempo indeterminato attualmente già impegnato con la stessa mansione.
"Il cambiamento di gestione della ristorazione scolastica - spiegano con una nota stampa da Palazzo Cernezzi - rappresenta l'avvio di un processo di modernizzazione complessiva che dovrà prevedere l'informatizzazione del sistema. L'obiettivo primario perseguito dall'amministrazione rimane mantenere elevato il livello qualitativo dei pasti serviti, nel rispetto dei principi di sicurezza alimentare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da sabato 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Torna l'autocertificazione in Lombardia: con il coprifuoco servirà per circolare dalle 23 alle 5

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • Como, non vuole indossare la mascherina e si ribella ai poliziotti: arrestato in centro storico

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Covid, firmata la nuova ordinanza in Lombardia: locali chiusi alle 24, niente visite alle RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento