A Striscia la Notizia la frana di Argegno: la figuraccia diventa nazionale

Capitan Ventosa fa il raffronto: in Svizzera tre mesi per costruire una strada, da noi è tutto al palo

Capitan Ventosa ad Argegno

Il servizio di Capitan Ventosa (al secolo Fabrizio Fontana) è andato in onda venerdì 2 febbraio 2018 sul tg satirico di Mediaset, Striscia la Notizia. E così la figuraccia per uno dei classici esempi di inefficienza della burocrazia italiana è diventata nazionale e, se vogliamo, anche internazionale. Infatti, Capitan Ventosa ha fatto un esplicito confronto tra il tempo occorso per sistemare, anzi, per realizzare una strada sommersa da una frana in Svizzera (solo 3 mesi), e quello necessario per sistemare il muro crollato sulla Statale Regina ad Argegno il 10 settembre 2017 (non ancora sistemato).

Un confronto impietoso. La strada Regina nel tratto di muro crollato è ancora mezza occupata dai detriti della montagna e in quel punto la carreggiata subisce un ristringimento. Capitan Ventosa invita le amministrazioni pubbliche italiane (nel caso specifico Anas e gli Enti pubblici competenti) a prendere esempio da quanto accade oltrefrontiera. Anzi, l'invito è proprio quello di copiare i ticinesi. A fine agosto in Val Bregaglia una frana di terra e fango ha sommerso una vasta area con 4 milioni di di tonnellate di detriti. La strada è stata letteralmente spaccata, ma dopo 3 mesi gli svizzeri avevano ricostruito tutto.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Como usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz nella notte a Camerlata, il simbolo della Pace al posto di quello della Lega Lombarda

  • Como, dramma in via Leoni: trovata una donna morta

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Como, donna morta in auto sotto casa del compagno: forse l'abuso di alcol la causa

  • Provano a imitare il nostro lago: ecco la rivista americana che propone mete "che sembrano il Lario"

  • Como, i furbetti del sacco rosso

Torna su
QuiComo è in caricamento